Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1172
RAGUSA - 11/08/2009
Cultura - Scicli: la personale dell’artista ragusano esposta a Donnalucata

A Donnalucata le "Incisioni" di Sandro Bracchitta

Evento organizzato dalla «Galleria Lo Magno» di Modica e dal «Movimento Culturale Vitaliano Brancati» di Scicli
Foto CorrierediRagusa.it

E´ stata inaugurata nella frazione rivierasca sciclitana di Donnalucata la personale dell’artista ragusano Sandro Bracchitta (nella foto), ospitata nelle sale di Palazzo Mormino.

«Incisioni» è il titolo della mostra organizzata dalla «Galleria Lo Magno» di Modica e dal «Movimento Culturale Vitaliano Brancati» di Scicli, coniato per designare la raccolta di quasi trenta opere incisorie, eseguite dall’artista nell’arco dell’ultimo decennio e presenti alla mostra.

Il testo critico, redatto da Gianfranco Schialvino, definisce Bracchitta »una presenza controversa e trasgressiva, ma fondamentale, nel rinnovamento dei linguaggi dell’arte incisoria».

Le sue sono opere cariche di simbolismo per cui tutto ciò che viene rappresentato rimanda ad altro, cosicché, le sue ciotole, concave, sono il simbolo della fecondità femminile, i suoi abiti, simbolo di seduzione, sono in attesa di qualcuno che li indossi, la sedia, oggetto destinato al riposo e all’attesa, diventa con le sue tre gambe, sintomo di instabilità, la casa è antonomasticamente simbolo di protezione, i fiori raffigurati, le calle, di colore bianco e con il pistillo giallo, rimandano al rapporto uomo-donna, mentre un ramo non è altro che un’arteria pulsante.

Le raffigurazioni sono spesso melanconiche, con colori cupi, intervallate da tagli e macchie che «segnano» ineluttabilmente la nostra esistenza. L’artista, in questo modo, non vuole far altro che rappresentare, iconicamente, il ciclo naturale della vita e il mistero che lo circonda. La mostra rimarrà visitabile tutti i giorni, dalle ore 19 alle ore 23, fino al 30 agosto.

Nella foto sotto (cliccateci sopra per ingrandirla) alcune delle opere di Sandro Bracchitta.