Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 420
RAGUSA - 28/06/2009
Cultura - Milano: 13 tavole firmate dal pittore in mostra al Papel

"Alice in Wonderland" secondo Robustelli

Il visitatore è catapultato nel disincantato mondo delle meraviglie, sentendosi così protagonista di una favola intramontabile
Foto CorrierediRagusa.it

Il mondo di Alice e il suo paese delle meraviglie è il filo rosso che lega le 13 tavole firmate dal pittore vittoriese Gianni Robustelli (nella foto) nello spazio Papel di Milano.

La fantastica storia del reverendo Charles Lutwidge Dogson, alias Lewis Carrol, che ha affascinato intere generazioni di bambini viene ripercossa dall’artista vittoriese, entrando nel profondo della storia, addentrandosi nei personaggi e nelle scene che hanno reso fantastico questo romanzo. Il leit motiv della mostra è quello di fare un viaggio all’interno del fantastico mondo di Alice e dei suoi compagni di viaggio, il bianconiglio, il brucaliffo, il cappellaio matto, la regina di cuori.

Tutti rigorosamente in bianco e nero. Ma dove predomina il tratto fine e sottile di una penna a sfera bic che rivela la mano felice di Gianni Robustelli e il suo intuito artistico. Non parossistico e ingenuo ma accattivante e intrigante. Il mosaico di tratti neri e bianchi voluto da Robustelli rende queste tavole qualcosa di magico, ed è proprio l’insistere della penna contro il foglio che permette di cogliere i tratti distintivi di ogni singolo personaggio ed oggetto, tenendoci sempre in sospeso tra realtà e fantasia, permettendoci di fantasticare sul magico mondo di Alice che appare sicura di sé e affascinata da ciò che gli si presenta davanti.

Con le sue 13 tavole, Robustelli riesce a catapultare il visitatore nel
disincantato mondo delle meraviglie di Alice, sentendosi così protagonista di una favola che non è mai tramontata.