Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 21 Agosto 2018 - Aggiornato alle 14:59
RAGUSA - 09/06/2018
Cultura - La presentazione del libro sabato prossimo

"Il sacrificio di Clementuzzu": tesori nascosti in Sicilia

L’ultima fatica letteraria di Alessandro D’Amato e Marcella Burderi Foto Corrierediragusa.it

Si svolgerà sabato 16 giugno alle 17 al Caffè Letterario Le Fate di via Cesare Battisti 20 a Ragusa la presentazione del volume "Il sacrificio di Clementuzzu. Storie e leggende di tesori nascosti in Sicilia", di Alessandro D’Amato e Marcella Burderi (Ed. Le Fate). L’appuntamento fa parte della sezione «Extra Volume» della IX edizione del festival A Tutto Volume, che avrà luogo nel capoluogo ibleo dal 15 al 17 giugno. Nel corso della presentazione, dialogherà con gli autori il prof. Giuseppe Barone. Il titolo del volume prende le mosse da un fatto di cronaca realmente accaduto, nel 1881, nelle campagne di Modica: un sacrificio rituale realizzato allo scopo di entrare in possesso di un tesoro incantato.

Nella prima parte del volume, curata dall’etnoantropologo Alessandro D’Amato, sono indagati gli aspetti storici e i simbolismi legati alle «storie di truvature», attraverso un’analisi della diffusione e della sedimentazione di tali credenze in aree geografiche vaste ed eterogenee. L’autore compie il proprio percorso calcando dei terreni posti al confine tra il sacro e il profano e approfondisce, al tempo stesso, i diversi simbolismi mitico-rituali insiti nelle varie leggende di tesori nascosti diffuse nel territorio siciliano.

Nella seconda parte, curata dalla storica Marcella Burderi, è ricostruito il caso specifico del rapimento e dell’omicidio rituale del piccolo Clemente. Un terribile evento di cronaca, dunque, si traduce, all’interno di quest’opera, in un prezioso strumento attraverso il quale conoscere meglio un fenomeno culturale – la credenza nei tesori nascosti – estremamente diffuso in tutto il mezzogiorno d’Italia, con una particolare frequenza nei territori un tempo facenti parte della Contea di Modica.