Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 465
RAGUSA - 29/12/2011
Cultura - Il carteggio tra lo statista pozzallese e la "figlia spirituale", Paola Ramusani

Giorgio La Pira e la crisi: "Respice stellam"

Sono parole contenute in una delle 224 lettere finora inedite scritte alla Ramusani, con cui intrattenne un fitto scambio epistolare dal 1940 al 1975
Foto CorrierediRagusa.it

Giorgio La Pira scriveva per via epistolare: «Quando la situazione è burrascosa, quando c´è oscurità, una sola è la cosa che va fatta. Respice stellam: alzare gli occhi al cielo e fissare la luce di Dio! Una è la verità che ci guida, questa: che niente avviene nella nostra vita che non sia in vista della nostra personale santificazione».

Sono, come accennato, parole di Giorgio La Pira contenute in una delle 224 lettere finora inedite scritte alla ´figlia spirituale Paola Ramusani, con cui intrattenne un fitto scambio epistolare dal 1940 al 1975. Il carteggio, finora inedito, è stato pubblicato integralmente insieme a uno studio di Diego Maria Pancaldo, docente della Facoltà Teologica dell´Italia Centrale, che indaga gli aspetti salienti dell´itinerario spirituale del "sindaco santo" di cui è in corso il processo di beatificazione. È intitolato "Preghiera e vita".

Il libro che contiene il carteggio è arricchito da un prefazione del cardinale Silvano Piovanelli, secondo cui l´opera «ci aiuta ad entrare nell´intimità della vita di La Pira e a scoprirlo come amico fedele e accompagnatore saggio nel campo dello spirito».

Nelle lettere scritte alla Ramusani, insegnante di Reggio Emilia conosciuta a Canazei nel 1940, lo statista pozzallese richiama costantemente i punti essenziali della vocazione alla vita consacrata, sottolineando la centralità dell´interiorità, della contemplazione, della preghiera e di un apostolato che sia realmente irradiazione dell´amore di Cristo.

E come se non bastasse la ricerca presenta altri documenti inediti, reperiti presso l´archivio della Fondazione La Pira di Pozzallo e presso l´archivio dell´Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, risalenti agli anni giovanili di La Pira, che contribuiscono a mettere a fuoco una delle figure più significative del cattolicesimo moderno.