Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 1000
MODICA - 19/03/2010
Cultura - Il libro è nelle edicole e librerie di Ragusa e Modica

"La Modica liberata" di Raffaele Poidomani

Si tratta di un lungo componimento satirico – il titolo fa il verso alla Gerusalemme liberata del Tasso – scritto nel 1964 nel clima infuocato delle schermaglie politico-elettorali cittadine, e indirizzato al neoeletto sindaco Saverio Terranova Foto Corrierediragusa.it

E’ già nelle edicole e librerie di Modica e Ragusa, per i tipi della casa editrice Nino Petralia, l’inedito poemetto La Modica liberata di Raffale Poidomani Moncada (1912-1979). Si tratta di un lungo componimento satirico – il titolo fa il verso alla Gerusalemme liberata del Tasso – scritto nel 1964 nel clima infuocato delle schermaglie politico-elettorali cittadine, e indirizzato al neoeletto sindaco Saverio Terranova.

Il primo cittadino, uscito dal direttivo della Democrazia Cristiana per dissidi interni, s’era candidato con una lista autonoma e, agli occhi dello scrittore, era stato l’artefice, con la sua vittoria elettorale, della «liberazione» di Modica dall’oppressione e dal malgoverno scudocrociato.

Il poemetto, scritto nel metro tipico del poema eroico (l’ottava), è diviso in quattro cantiche che ripercorrono le tappe dell’ «epico» scontro tra Saverio Terranova e gli ex compagni di partito Gaspare Basile, Pietro Borrometi, Nino Barone, Papè La Rosa, Nino Avola e Innocenzo Pluchino.

La penna pungente dell’autore di Carrube e cavalieri e di Tempo di Scirocco, vicino allora al Pci, mette in caricatura gli uomini politici e i protagonisti locali dell’epoca, con effetti esilaranti che culminano nell’elezione a sorpresa di Saver di Terra Nuova, chiamato a liberare Palazzo San Domenico quasi fosse un novello Goffredo di Buglione.

Una satira gustosa, la sua, che racconta con toni volutamente epici e grandiosi gli splendori e le miserie del ceto politico locale nell’anno del Signore 1964. A cinquant’anni di distanza, l’ex primo cittadino ha ritrovato il dattiloscritto e lo ha dato alle stampe, premettendovi una introduzione (Ricordo di Raffaele Terranova) che fa luce sulla genesi dell’opera e sul contesto politico di quegli anni. I versi di Poidomani Moncada sono preceduti da una nota storica di Orazio Giannì e da un’appendice che riporta una lettera, anch’essa inedita, dello scrittore a Saverio Terranova.

La pubblicazione dell’inedito poidomaniano giunge a conclusione delle celebrazioni che, nel trentesimo anniversario dalla scomparsa, hanno rilanciato la figura e l’opera dell’intellettuale modicano con mostre fotografiche, rappresentazioni teatrali, conferenze e con la pubblicazione dell’opera omnia. Con la «La Modica liberata» Nino Petralia Editore aggiunge un importante tassello alla riscoperta di un personaggio a lungo dimenticato. Un libro da non perdere per gli amanti dello scrittore modicano.

Il volumetto è stato già presentato lo scorso 3 marzo presso il Palazzo della Cultura di Modica. Andrea Tidona ha letto per intero il poemetto satirico-politico alla presenza di un folto pubblico.

Info e contatti: Nino Petralia Editore, via 28 Settembre 1943, n. 9 – 97100, Ragusa. www.petraliaeditore.com