Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 792
MODICA - 16/03/2010
Cultura - Modica: lo spettacolo andrà in scena giovedì 18 marzo alle 20.30

Al Garibaldi «La storia della bambola abbandonata»

La storia nasce dalla fusione di due storie: una, quella della bambola abbandonata di Alfonso Sastre, già riproposta da Giorgio Strehler, e l’altra, quella del cerchio di gesso di Bertold Brecht Foto Corrierediragusa.it

Andrà in scena giovedì 18 marzo alle 20.30 l’anteprima serale dello spettacolo «La storia della bambola abbandonata», già previsto nella Stagione 2010 come secondo matinée dedicato alle scuole nell’ambito della sezione «Il teatro per la crescita» e fissato per sabato 20 marzo alle 10 al Teatro Garibaldi. Doppio appuntamento, dunque, per lo spettacolo prodotto dalla compagnia Controscena Teatro con la regia di Enzo Ruta.

La storia nasce dalla fusione di due storie: una, quella della bambola abbandonata di Alfonso Sastre, già riproposta da Giorgio Strehler, e l’altra, quella del cerchio di gesso di Bertold Brecht. Una storia raccontata e una sognata, una storia di bambini e una storia di adulti. In una periferia un gruppo di bambini gioca, nell’attesa per la venditrice di palloni, la chiave della loro fantasia. E cosi decolla la storia della bambola abbandonata che vive dello scontro fra Lolita, vanitosa e ricca, e Paquita, povera e dignitosa. Litigano per una bambola. Accanto a questa storia, l’altra, quella sognata: Grusa, serva e povera, litiga per un bambino con la Governatrice furiosa e sprezzante. Le due storie si incrociano, ma alla fine la giustizia si imporrà.

«Per dirla alla Rodari, grande maestro di fantasia –spiega Enzo Ruta nelle note di regia- è una insalata di due storie che mi hanno aiutato a riscoprire il bambino che è in me, il bambino che è in noi e che va coltivato, amato e in età adulta, qualche volta, liberato. Quando il teatro è gioco non rinuncia a comunicare grandi valori che, per la verità, in questa frastornata società vacillano. Oggi abbiamo bisogno ancora per la nostra vita civile di valori: la libertà, la tolleranza e la giustizia. Con La storia della bambola abbandonata ho provato a raccontare una favola che attraverso il gioco del teatro ha ancora la forza di stupire e di far sognare».

Sul palcoscenico Alessandra Pitino, Assunta Adamo, Daniele Cannata Piero Pisana e nei ruoli di Lolita e Paca, Arianna Scarso e Silvia Melilli. I giovani attori sono alunni della Giacomo Albo, della Giovanni XXIII e dell’Istituto Regina Margherita. I musici sono studenti del Verga. Le scene sono di Tonino Migliore, i costumi di Loredana Roccasalva e le musiche di Peppe Scucces. Il prezzo dei biglietti per l’appuntamento di giovedì 18 marzo alle 20.30 è di 5 euro. Il matinée di sabato 20 marzo è riservato agli studenti delle scuole modicane. Tutte le informazioni sono disponibili su www.fondazioneteatrogaribaldi.it.