Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1061
MODICA - 26/02/2010
Cultura - Modica: lo spettacolo del popolare attore teatrale

Modica: Tidona torna nel "suo" Garibaldi "Senza Hitler"

Sul palco il prossimo 2 marzo. Il testo è dell’autore pavese Edoardo Erba
Foto CorrierediRagusa.it

Tornerà nel Teatro che è «suo» più di ogni altro, Andrea Tidona (nella foto), il prossimo 2 marzo. Il Teatro Garibaldi di Modica non è infatti solo il Teatro della sua città d’origine, nella quale torna spesso e volentieri, ma è anche il Teatro per il quale offre da ormai due Stagioni la propria consulenza artistica. E’ sua, in tandem con Giorgio Pace, anche la firma della Stagione 2010 che lo riporta sul suo palcoscenico, nella sezione «Il Teatro per il Teatro», con lo spettacolo «Senza Hitler».

Il testo è dell’autore pavese Edoardo Erba, che ha reinventato la Storia partendo dall’ipotesi che Hitler, superato nel 1907 l’esame dell’Accademia delle Arti Figurative di Vienna, al contrario di quanto accadde veramente, si ritrovi a sessant’anni mediocre pittore, accanto alla sua modella Eva Braun. Portando indietro la moviola del tempo fino ad un ipotetico «punto di ripristino» e immaginando con sarcasmo cosa sarebbe successo se la Storia avesse preso un’altra delle tante strade offerte ogni giorno dal caso, ci si ritrova dinanzi ad un Tidona-Hitler che dipinge furiosamente campi di sterminio e camere a gas. Alla vigilia della sua prima «personale» in Italia, il «maestro» Hitler viene intervistato da una giornalista, che si trova ad accertare come il pittore vagheggi un mondo di sterminio e di morte. Un mondo che però non ha davvero conosciuto il dittatore: un mondo «senza Hitler». L’invenzione teatrale, insomma, funziona da specchio per la figura di un dittatore che, senza quella bocciatura, sarebbe diventato soltanto un pittore folle.

Lo spettacolo, con la regia del napoletano Armando Pugliese, assume così i caratteri di un thriller, in un gioco di rimandi, incastri e metafore, e di una divertente sciarada espressionista che si caratterizza per le pennellate aggressive e vivaci. Sul palco, insieme ad Andrea Tidona, ci saranno Carla Cassola, Giovanni Carta e Barbara Giordano. I biglietti sono disponibili al botteghino. Tutte le informazioni su www.fondazioneteatrogaribaldi.it