Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 895
MODICA - 30/01/2010
Cultura - Modica: con i musicisti Roberto Gatto, Salvatore Bonafede, Fabrizio Bosso, Pietro Leveratto

Jazz di alta qualità al teatro Garibaldi di Modica

Prezzi popolari per gli amanti della buona musica

Roberto Gatto, Salvatore Bonafede, Fabrizio Bosso, Pietro Leveratto: quattro nomi, quattro giganti del jazz italiano, un’unica formazione «esclusiva» per il Teatro Garibaldi di Modica. Non è consueto infatti il quartetto che li vedrà inaugurare, lunedì 1 febbraio alle ore 21, la sezione «Il Teatro per la Musica» della Stagione 2010. Insieme, faranno significativamente da manifesto d’apertura ad un cartellone «a tutto jazz» che porterà a Modica, fino ai primi di maggio, alcuni tra i più quotati musicisti contemporanei a livello internazionale tra cui Eddie Gomez, Maria Neckam, Kurt Rosenwinkel.

Il 1 febbraio salirà dunque sul palcoscenico del Garibaldi Roberto Gatto con la sua inconfondibile batteria: solida pietra miliare dello storico Trio di Roma, Gatto è considerato uno dei più interessanti batteristi e compositori in Europa e nel mondo. Fresco vincitore del Top Jazz 2009, ha ricevuto negli anni innumerevoli riconoscimenti come «miglior batterista italiano» dalle riviste di settore. Le sue esecuzioni, con le quali firma una vastissima discografia da leader o in collaborazione con i migliori jazzisti della scena internazionale, sono caratterizzate, oltre che da un’interessante ricerca timbrica e da un’impeccabile tecnica esecutiva, anche da un grande calore tipico della cultura mediterranea.

A Modica affiancherà eccezionalmente il pianista Salvatore Bonafede, anch’egli considerato uno dei più originali del panorama italiano, grazie ad uno stile personalissimo, nel quale unisce la matrice culturale acquisita negli Stati Uniti con le proprie radici italiane. La sua è una cifra espressiva altamente evocativa e ricca di energia, caratterizzata da un approccio esecutivo ritmicamente molto solido, che passa attraverso accenti di notevole dinamismo e da un articolato fraseggio, spesso sviluppato in chiave di improvvisazione.

Completeranno il quartetto Fabrizio Bosso, trombettista apprezzatissimo per le notevoli doti tecniche e improvvisative, coniugate a innate doti di espressività e comunicatività, e Pietro Leveratto, considerato uno dei contrabbassisti italiani più creativi ed eclettici.

I biglietti per il concerto del 1 febbraio sono disponibili al botteghino: i prezzi, oltremodo accessibili, vanno dai 4 euro per un posto in loggione ai 13,50 euro per un posto in platea (sono previste riduzioni per gli under 18, gli over 65 e i gruppi superiori a 10 persone). Tutte le informazioni sono disponibili su www.fondazioneteatrogaribaldi.it.