Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 583
MODICA - 27/01/2010
Cultura - Modica: i due nomi storici del teatro siciliano

Musumeci e Perracchio stasera al Garibaldi di Modica

Con lo spettacolo «L’Incidente» non apriranno solo la sezione di prosa «Il Teatro per il Teatro», ma taglieranno di fatto il nastro inaugurale dell’intera Stagione Foto Corrierediragusa.it

Saranno Tuccio Musumeci e Marcello Perracchio a tenere a battesimo stasera la Stagione 2010 del Teatro Garibaldi di Modica. Con lo spettacolo «L’Incidente» non apriranno solo la sezione di prosa «Il Teatro per il Teatro», ma taglieranno di fatto il nastro inaugurale dell’intera Stagione, complessivamente articolata nei quattro tasselli de «Il Teatro per la Città», per la quale il Sindaco Antonello Buscema è tornato ad avvalersi dell’ormai consolidata consulenza artistica di Giorgio Pace e Andrea Tidona.

Marcello Perracchio tornerà così a recitare nella sua città d’origine e, insieme all’irresistibile ironia di Tuccio Musumeci, darà il benvenuto e brinderà insieme al pubblico modicano: il modo migliore per festeggiare insieme alla Città l’avvio della Stagione contestualmente alla nascita della Fondazione Teatro Garibaldi.

Poi, alle ore 21, il sipario si aprirà su «L’Incidente». Il testo, tra i più celebri firmati da Luigi Lunari, trae spunto dalla commedia di Carl Sternheim «Die hose», ovvero «Le mutande». La storia trova il suo pretesto iniziale nella bella e procace moglie di un piccolo bancario, che durante l’inaugurazione della nuova sede della banca, perde per l’appunto le mutande: questo stravolge il piccolo ambiente, nel quale si accendono le fantasie e gli entusiasmi e contestualmente si scatenano le invidie e le maldicenze.

Il crescendo di «incidenti» diventa così il sarcastico ritratto di quel mondo represso e compresso che troverà sfogo nell’orgia liberatoria del ’68. Protagonista femminile, al fianco di Tuccio Musumeci e Marcello Perracchio, sarà Concita Vasquez. La regia dello spettacolo è firmata da Giuseppe Romani.