Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1346
MODICA - 25/06/2009
Cultura - Modica: un periodo decisivo per la costruzione della nazione Italia nel libro del docente universitario

Modica: Poidomani e l´importanza della Sicilia

Una indagine a tutto campo sugli anni dell’unità di Italia, 1861 fino al 1876
Foto CorrierediRagusa.it

Un periodo decisivo per la costruzione della nazione Italia. Il libro di Giancarlo Poidomani (nella foto), docente di storia contemporanea all’università di Catania, dal titolo «Senza la Sicilia l’Italia non è nazione»,è una indagine a tutto campo sugli anni dell’unità di Italia, 1861 fino al 1876.

Sono gli anni in cui la destra storica, post risorgimentale, dota il mezzogiorno in particolare, di infrastrutture come ferrovie, scuole, ospedali, linee telefoniche,strade, ed investe in Sicilia il triplo di quanto farà in Piemonte. Il regno d’Italia investe dunque in Sicilia, e costruisce così uno stato moderno partendo dalle zone più arretrate.

Il libro di Poidomani, ha rilevato Giuseppe Barone, nel corso della presentazione del testo al teatro Garibaldi, parte da un documentazione puntuale per raccontare la storia di quegli anni e mette in luce una rivoluzione che vede come protagonisti le classi meno abbienti e la borghesia produttiva. La Sicilia contribuisce così alla nascita della nazione ed è per questo che l’Italia non può dirsi nazione senza il contributo e la partecipazione dell’isola.