Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 879
MODICA - 09/05/2009
Cultura - Modica: «Un uomo mite, schivo ed onesto , di grande cultura umanistica»

Al classico tracciata la figura dello studioso Carratello

Il sindaco Buscema ha evidenziato la volontà dell’amministrazione di valorizzare i protagonisti della storia cittadina di ieri
Foto CorrierediRagusa.it

«Un uomo mite, schivo ed onesto , di grande cultura umanistica»; Giovanni Rossino ha tracciato così la figura di Ugo Carratello, docente e filologo. La rivisitazione di Ugo Carratello, nato nel 1923 e morto a Roma nel 2005 a Roma, è statO il tema di un incontro tenuto presso l’aula di scienze del liceo Tommaso Campailla, organizzato dall’amministrazione comunale nell’ambito del progetto « Storie di uomini e carte».

La figura dello studioso e del latinista è stato oggetto della ricerca che Matteo Monaco, ex alunno ed oggi filosofo, ha prodotto grazie alla pubblicazione de « L’itinerario filologico di Ugo Carratello». Carratello fu dall’immediato dopoguerra e per oltre quindici anni titolare di lettere al corso ginnasiale presso il liceo Campailla e si trasferì a Roma, prima al liceo S. Lorenzo, per poi approdare alla cattedra di filologia presso l’università di Roma; concluse poi la sua carriera presso l’università della Tuscia a Viterbo.

Come ha ricordato Giovanni Rossino Marziale, Livio Andronico e Catullo, sono stati i campi di indagine dello studio di Carratello che ha pubblicato numerose biografie per «Il giornale italiano di filologia» diretto dal suo mentore Nino Scivoletto con cui stabilì un sodalizio scientifico di grande qualità. Ugo Carratello è studioso preciso, attento , che sa ricostruire i documenti, ha ricordato Giovanni Rossino.

Per Giuseppe Barone il periodo di docenza al Campailla da parte di Carratello si colloca nella grande tradizione della scuola modicana e dovrebbe stimolare le giovani generazioni ad un forte recupero della identità. Antonello Buscema ha evidenziato la volontà dell’amministrazione di valorizzare i protagonisti della storia cittadina di ieri, spesso dimenticati, come Ugo Carratello e Raffaele Poidomani di cui per il prossimo autunno è stato annunciato un convegno nazionale di grande rilevanza.