Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1245
MODICA - 31/05/2016
Cultura - Una serata di gala al teatro Garibaldi

VIDEO 20 anni di attività per il Coro Monteverdi di Modica

Eseguiti i pezzi più significativi del repertorio Foto Corrierediragusa.it

Venti anni di attività. Il coro «Claudio Monteverdi» ha festeggiato con una serata di gala l’anniversario in un teatro Garibaldi stipato. Applausi e scena aperta per l’orchestra di 25 elementi e i trenta componenti del coro che hanno interpretato i pezzi più significativi del loro repertorio.


Cominciando e chiudendo con il “Va’ pensiero” di Verdi che alla fine ha coinvolto anche la platea in una interpretazione collettiva. Il coro, nato nel 1966, per iniziativa dell’attuale maestro e direttore Orazio Baglieri, è man mano diventato una realtà apprezzata per la sua qualità nel mondo musicale siciliano. Soprattutto per la varietà del repertorio che va dagli autori rinascimentali e barocchi, alla musica sacra e profana del canto polifonico, a cappella e con accompagnamento strumentale, come nella serata del Garibaldi. Il Monteverdi propone anche autori del 900’ e contemporanei. Tra le varie tappe del coro modicano l’esibizione in Vaticano con l’accompagnamento del maestro Gianluca Libertucci, organista titolare in S. Pietro. L’anno scorso l’esibizione nel Duomo di S. Giorgio a Ibla con i Renaissance Singers di Edimburgo. Al Garibaldi il Monterverdi ha presentato autori come Masccagni, Mozart, Haendel e Verdi. I trenta componenti hanno affinato nel corso degli anni le loro naturali qualità non senza sacrifici e dedizione ad una causa che onora tutta la città. Non è un caso che sul palco sono stati presenti i sindaci dell’ultimo ventennio, Carmelo Ruta, Piero Torchi, Antonello Buscema e Giorgio Linguanti in rappresentanza di Ignazio Abbate.

Questi gli elementi che hanno dato vita al concerto: le soprano Gina Figura, Antonella Puglisi, Carmela Saturnino, Genesia Randazzo, Teresa Giunta, Annamaria Galfo, Giovanna Gennaro, Rosetta Muscia, i contralti Annamaria Inserra, Dalila Causarano, Giorgia Modica, Giusy Boncoraglio, Luisa Scionti, Maria Modica, Pina Bottaro, Stefania Cannizzaro, Teresa Spadaro; i tenori Antonio Basile, Gianluca Di Raimondo, Juan Francisco Baglieri, Massimo Palermo, Antonino Sammito, Salvatore Rosa, Giuseppe Sveva; i bassi Angelo Gintoli, Antonio Pluchino, Vincenzo Belviglio, Innocenzo Roccasalva, Aristide Poidomani ed Emanuele Agosta.