Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 827
MODICA - 18/12/2013
Cultura - Dal 21 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014

Esposizione fotografica di Vincenzo Papa a Modica

Nelle sale dell’ex Convento della Madonna del Carmine, già sede della Caserma dei Carabinieri di Piazza Matteotti Foto Corrierediragusa.it

Dal 21 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014, le sale dell’ex Convento della Madonna del Carmine, già sede della Caserma dei Carabinieri di Piazza Matteotti a Modica ospiteranno l’esposizione fotografica dell’architetto e fotografo Vincenzo Papa. L’esposizione, visitabile tutti i giorni dalle ore 17 alle ore 21, con ingresso libero, sarà inaugurato Sabato 21 dicembre 2013 alle ore 19. Attraverso 40 scatti fotografici, ritrattO costituisce un percorso espositivo dove l’indiscusso elemento protagonista è l’Acqua nel suo simbiotico rapporto con l’Uomo. Le foto di Vincenzo Papa costituiscono una nuova interpretazione dell’aspetto vitale dell’acqua attraverso l’espressione assunta da coloro i quali (giovani e adulti) si sono prestati alla realizzazione dello shooting fotografico effettuato durante una calda giornata dell´agosto 2013 all’Isola delle Correnti - Portopalo di Capo Passero in provincia di Siracusa.

Una location non convenzionale e non casuale quella scelta per raccogliere i volti dei protagonisti di ritrattO ora presentati a Modica attraverso il percorso espositivo realizzato all’interno del monumentale ex Convento del Carmine. L’isola delle Correnti, infatti, posta a sud di Tunisi e punto d’incontro tra il Mar Mediterraneo e il Mar Ionio, è il luogo ideale per ispirare l’omaggio all’acqua e alla sua metafora di vita. Le foto di ritrattO, infatti, presentano l’espressione assunta dai soggetti nell’istante in cui allo scoppio di un palloncino d’acqua, frapposto tra il viso e la macchina fotografica, coincide il clic. Il risultato è strabiliante: un mix sospeso tra sorpresa, gioia, senso di protezione immortalato nelle geometrie e nelle forme create da milioni di gocce.