Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 459
MODICA - 26/05/2012
Cultura - Lo spettacolo conclusivo del "Laboratorio teatrale"

Stasera "Sentieri interrotti" al teatro "Garibaldi"

Il filo conduttore è la violenza, declinata attraverso il tema dell’immigrazione e della violenza alle donne Foto Corrierediragusa.it

Sarà portato in scena stasera alle 21 al Teatro "Garibaldi", ingresso libero, "Sentieri interrotti", spettacolo conclusivo del "Laboratorio teatrale" organizzato dalla Compagnia del Piccolo Teatro e condotto dall’attore e regista Alessandro Romano.

Il laboratorio, iniziato nell’ottobre scorso, che ha avuto come sede l’Auditorium di "Crisci ranni" e ha visto la partecipazione di un buon numero di allievi, ha previsto un lavoro sul corpo, sul movimento, sul ritmo, sulla voce, sul testo teatrale e la drammaturgia.

Il progetto si chiude con lo spettacolo che ha una costruzione per quadri e nasce da un attento sguardo all’attualità. Il filo conduttore è la violenza, declinata attraverso il tema dell’immigrazione e della violenza alle donne. La drammaturgia è sperimentale, i brani si annodano tra loro come i fili di una tela. "sentieri interrotti" è infatti una rapsodia di testi di autori vari, scelti dagli allievi stessi tramite un lavoro di ricerca e lettura condotto all’interno delle lezioni del laboratorio stesso. Rapsodo o cucitore dei testi, è stato Alessandro Romano, a cui si ascrive la drammaturgia e la regia della messinscena.