Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 919
MODICA - 20/03/2012
Cultura - Orazio Carpenzano, docente alla Sapienza di Roma, ha offerto la sua lettura della "forma urbis"

Serve la progettualità per costruire la città

Conferenza a palazzo De Leva promossa dal Centro Studi sulla Contea di Modica Foto Corrierediragusa.it

Per uno sviluppo ottimale ed integrato del territorio occorre progettare. Non si può lasciare nulla al caso e la progettualità consentirà di valorizzare lo straordinario patrimonio artistico, culturale ed architettonico della città.

Orazio Carpenzano (nella foto insieme all´assesore Anna Maria Sammito), docente di Composizione architettonica ed Urbana alla facoltà di Architettura La Sapienza di Roma, ha lanciato questo messaggio nel corso dela sua conferenza tenuta presso la sede del Centro Studi sulla Contea di Modica. Il docente è stato presentato dal presidente Paolo Failla che ha ricordato l’impegno dell’associazione nella valorizzazione e nel recupero del patrimonio storico – architettonico della città.

Proprio in questa ottica si è inserito l’appuntamento con Orazio Carpenzano, che ha tracciato un percorso dal passato post terremoto al presente nella evoluzione della forma della città. Il relatore ha rilevato come Modica,a differenza di altri centri barocchi, come Noto, non ha abbandonato i luoghi dopo il disastroso terremo noto del Gennaio del 1693, ed ha ricostruito sulle macerie grazie all’impegno finanziario della nascente borghesia e dell’aristocrazia ed alla chiesa.

Una «eccezionalità» che si legge nella stratificazione urbanistica di secoli diversi e che rende la città un unicum rispetto ad altri centri. La forma urbis attuale nasce dunque nel ‘700 anche se un secondo evento calamitoso, come l’alluvione del 1902, lascerà i segni sulla città a cominciare dal corso dei suoi torrenti. Orazio Carpenzano ha fatto riferimenti precisi per seguire questa evoluzione della forma della città alla carta dell’architetto Toscano, risalente al 1830, che fotografa la Modica di metà ‘800. Una carta che oggi necessita di essere recuperata perché è il documento storico per eccellenza che ci presenta la città. Orazio Carpenzano a questo proposito ha rilevato come in città manchino le carte storiche e le immagini, caso molto raro per una realtà importante come quella di Modica, allora quarta città della Sicilia.

E’ dunque opportuno dedicarsi a questa ricerca in archivi come Napoli, Palermo ed anche spagnoli per recuperare documenti essenziali che oggi mancano. La relazione del docente si è poi sviluppata su cinque punti con uno sguardo al futuro e soprattutto per i nodi urbanistici che dovranno essere sciolti: la mobilità, il paesaggio, le case, il patrimonio, l’immaginario. Orazio Carpenzano, grazie all’ausilio di foto significative, trova un filo conduttore nella situazione attuale ovvero l’abbandono di modelli che la tradizione e la cultura popolare ha consolidato per seguire modelli di sviluppo che non appartengono al territorio ed alla sua cultura.

E’ il caso della città nuova che ha ignorato la realtà del vicolo e della sua spicciola solidarietà e prossimità quotidiana ma è anche il caso del paesaggio. A questo proposito il relatore si è soffermato sul caso del Parco degli Iblei sostenendo che un parco non può nascere solo all’insegna di quello che non si può fare ma di quello che i cittadini possono fare. Ecco perché bisogna recuperare subito tutto quello di buono che ancora abbiamo mantenuto perché siamo ancora in tempo. Domani sarà troppo tardi.