Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1221
COMISO - 21/06/2010
Cultura - Comiso: 28 artisti al foyer del teatro Naselli per iniziativa del Lions Club

"Un aeroporto per l´arte" in mostra a Comiso

Pubblicato anche un elegante volume che raccoglie testi e fotografie
Foto CorrierediRagusa.it

Sono ventotto; li unisce il luogo dove sono nati e l’arte che travalica il confine geografico. «Ventotto volti, una città» titola Andrea Guastella la sua presentazione al volume «Un aeroporto per l’arte» che raccoglie il meglio di quanto Comiso abbia saputo esprimere in un arco di 50 anni.

Meritoria l’iniziativa del Lions club «Terra Iblea» di Comiso che con il suo presidente Salvatore Cascone (nella foto con il past governatore Lions) ha voluto promuovere la mostra allestita nel foyer del teatro Naselli ed ha pubblicato un elegante volume che sintetizza un percorso artistico di pregevole qualità.

Cosa unisce dunque Salvatore Fiume a Salvo Barone, Giovanni La Cognata a Biagio Miceli,Giuseppe Cassibba a Biagio Brancato? Le radici dei propri inizi artistici e l’aver veicolato temi, colori, ispirazioni, identità in terre lontane, in ambienti artistici diversi. Proprio come un aeroporto dove si parte e si arriva, dove ci si incontra per ripartire, dove si programmano viaggi e si ritorna indietro, un continuo movimento nel segno universale dell’arte, sia essa scultura, pittura, incisione.

Il volume rende omaggio anche alla città grazie alle foto mai banali di Giuseppe Leone che coglie di Comiso aspetti veri ma reconditi pur nella loro quotidianità ed ai testi di Matteo Collura su Gesualdo Bufalino, di Giuseppe Di Giacomo su Salvatore Fiume. Andrea Guastella guida il lettore attraverso biografie ed esperienze dei ventotto artisti cogliendone l’essenza e l’originalità.

La mostra completa e sintetizza una esperienza di valore non solo per quello che rappresenta per la città di Comiso ma anche per il mondo culturale siciliano di cui Comiso è a buon titolo piccola capitale.