Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 757
COMISO - 12/09/2015
Cultura - Reperto risalente a 120 milioni di anni fa

Il coccodrillo come fa? Intanto pensiamo al dente!

Un vero e proprio tesoro per la Sicilia Foto Corrierediragusa.it

La Sicilia era un tempo dimora dei coccodrilli marini, da molti considerati dei veri e propri "mostri del mare". La prova è in un dente risalente a circa 120 milioni di anni fa trovato lo scorso luglio a Calatafimi. Un dente appartenente all’ultimo dei grandi coccodrilli marini che popolavano i nostri mari al tempo dei dinosauri, e lo dimostrano gli studi, da poco conclusi, portati avanti al Museo Civico di Storia Naturale di Comiso.
Il dente, lungo due centimetri e rinvenuto durante alcuni lavori di sbancamento in una cava, adesso è possibile ammirarlo proprio nel Ragusano. Il reperto, salvato dalle ruspe da un attento ricercatore amatoriale, Giacomo Sicali, è passato nelle mani del paleontologo Gianni Insacco, direttore scientifico del museo di Comiso.

Quello che viveva nelle acque siciliane è un «Crocodylorfi Metriorhynchidi», una grande testimonianza della più recente esistenza di predatori preistorici a livello mondiale, lungo fino a 8 metri e specializzato a vivere in alto mare in un clima temperato-caldo. Un identikit tracciato minuziosamente e con cura: frutto di studi pubblicati anche nella rivista Cretaceous Research.

Un vero e proprio tesoro per la Sicilia, sempre stata avara di resti di vertebrati del Mesozoico, dimostrandosi invece adesso terra di ritrovamenti di numerosi molluschi e invertebrati. Invece, pare che la Sicilia sia sempre stata «accogliente», un tempo dimora di una piccola porzione di vertebrati, da sempre rari nella nostra Isola.