Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:15 - Lettori online 1088
VITTORIA - 15/06/2010
Cronache - Ragusa: operazione congiunta di Polizia stradale e Guardia di finanza

Sequestrati 20 immobili, tra cui una villa di lusso

Una donna e il suo convivente sono stati indagati e denunciati per abusivismo edilizio Foto Corrierediragusa.it

Tutto è scaturito dal mancato pagamento di una maxi fattura di 900mila euro per il noleggio di 14 motrici da una società austriaca. Le indagini di Polizia stradale e Guardia di finanza sono poi sfociate nel sequestro preventivo di 20 immobili, tra cui una villetta di lusso con tanto di piscina, ricadenti su un’area di 40mila metri quadrati, nei territori di Ragusa e Vittoria, riconducibili ad una società di autotrasporti del posto. A gestire questa società era una donna, che risulta altresì intestataria, e il suo convivente, entrambi denunciati e indagati per reati connessi all’abusivismo edilizio.

Quanto saltato fuori dalle indagini coordinate dal comandante della Polstrada Gaetano Di Mauro, in collaborazione con i colleghi di Catania, ha indotto il giudice per le indagini preliminari Giovanni Giampiccolo ad emettere i provvedimenti, su richiesta del procuratore Carmelo Petralia. Stando a quanto denunciato dalla società con sede in Austria, i titolari della ditta di autotrasporti di Vittoria si erano appropriati delle 14 motrici prese a nolo per esercitare attività edile in maniera abusiva all’interno di immobili costruiti in mancanza delle previste autorizzazioni.

Per alcuni di questi immobili, nonostante fossero stati acquisiti dal comune di Vittoria, esibendo falsi documenti, era stata presentata una nuova concessione edilizia in sanatoria. Tra i venti immobili abusivi sequestrati, vi era una villa con piscina e decine di box con 14 cavalli di razza. Indagato per il reato di falso anche il tecnico che si è occupato della concessione edilizia di alcuni immobili, producendo false attestazioni.