Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 773
VITTORIA - 10/05/2010
Cronache - Vittoria: il maxi blitz contro la camorra ha toccato anche il territorio vittoriese

Racket ortofrutta da Napoli a Vittoria, arrestati 3 campani

Si tratta di 3 camionisti che erano in Sicilia per lavoro. Vincenzo Imbimbo è stato ammanettato nel piazzale del mercato, i fratelli Domenico e Raffaele Menna stavano lasciando la città sui loro camion
Foto CorrierediRagusa.it

Nella maxi retata della Polizia contro esponenti di spicco del clan dei Casalesi di Napoli che avevano messo le mani sull’ortofrutta del meridione, le manette sono scattate anche a Vittoria. Commissariato e Squadra mobile hanno arrestato 3 camionisti che si trovavano a Vittoria per lavoro. Vincenzo Imbimbo, di 38 anni, nato a Teverola residente ad Aversa, Domenico Menna, di 40 anni, nato a San Paolo Bel Sito ma residente a San Giuseppe Vesuviano, ed il fratello Raffaele Menna, di 39 anni, nato a Cicciano e residente a Casaluce. I tre sono indagati per associazione a delinquere di stampo mafioso e ritenuti appartenere al clan campano.

Gli arresti sono scattati a seguito della notifica di ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, scaturite da un’indagine della Squadra Mobile di Caserta che ha portato all’arresto di decine di persone in tutta Italia, ritenute appartenere alla camorra ed alla mafia.

La Questura campana ha allertato il commissariato di Vittoria circa la presenza dei 3 camionisti nella città dell’ortofrutta ipparina In poche ora gli agenti del Commissariato e della Squadra mobile rintracciavano alle 6,30 Vincenzo Imbimbo nel piazzale antistante il mercato ortofrutticolo, mentre si trovava alla guida del suo autoarticolato. Domenico Menna veniva bloccato, alle 9.30, in via Generale Cascino, all’incrocio con lo stradale Marangio mentre alla guida del suo autoarticolato stava per lasciare Vittoria. Raffaele Menna, infine, è stato bloccato, verso le 9.45, mentre percorreva, anche lui alla guida del suo autoarticolato, la via Incardona.

I mezzi, dopo essere stati perquisiti con esito negativo, sono stati sottoposti a sequestro, mentre i tre campani sono stati accompagnati in Commissariato dove è stata loro notificata la voluminosa ordinanza di custodia cautelare, consistente in oltre 500 pagine. Dopo le formalità di rito, l’Imbimbo ed i due Menna sono stati tradotti al carcere di Ragusa dove permarranno a disposizione dell’autorità giudiziaria napoletana.

La colossale operazione ha fatto piena luce su tutti i misteri che coprivano il mondo dell’ortofrutta, in particolare quella siciliana e del mercato ortofrutticolo di Vittoria. Secondo l´accusa, la cappa della camorra faceva lievitare i prezzi al dettaglio, lasciando ai produttori pochi spiccioli insufficienti persino a coprire le spese. E imponeva il monopolio dell´autotrasporto.

Immediata la reazione del sindaco Giuseppe Nicosia: «Esprimo apprezzamento per l’operazione, non solo perché gli arrestati sono esponenti di clan pericolosi, ma anche e soprattutto perché la loro attività criminosa si traduceva in uno dei punti di maggiore difficoltà economica del nostro mercato legato al sistema del trasporto dell’ortofrutta. A nome della città, ringrazio la magistratura e le forze dell’ordine per il blitz. Vogliamo essere liberati dalle vessazioni delle sanguisughe economiche, a maggior ragione se queste sono espressione della criminalità organizzata, per di più tra le più feroci ed efferate. Che questo blitz sia l’occasione per un controllo ancora più stringente su tutti coloro che operano nella filiera della commercializzazione dell’ortofrutta, affinché il settore sia reso più libero, più trasparente ed economicamente più soddisfacente per le nostre produzioni».

(Nella foto in alto da sx i fratelli Raffaele e Domenico Menna e Vincenzo Imbimbo, tutti residenti in Campania. Sotto, le foto degli arresti. CLICCATECI SOPRA PER INGRANDIRLE)