Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 1032
VITTORIA - 08/05/2010
Cronache - Vittoria: la Polizia di Niscemi amanetta due persone nel vittoriese

Droga, gelese e tunisino arrestati a Costa Esperia

Nei pressi del magazzino «Esplorando» il gelese e il clandestino si sono incontrati per scambiarsi soldi e 200 grammi di hascisc. Sotto gli occhi degli agenti coordinati dal dirigente Gaetano Cravana, che sono intervenuti subito dopo Foto Corrierediragusa.it

Scambio di droga a Costa Esperia, vicino Scoglitti, fra gelese e tunisino clandestino residente in un casolare diroccato della stessa zona, arresti entrambi. E’ stata la Polizia di Niscemi coordinata dal dirigente Gaetano Cravana a scoprire l’affare nei pressi del magazzino di prodotti ortofrutticoli»Esplorando».

Gli agenti hanno tenuto sotto controllo i movimenti del gelese Giuseppe Nicastro , 21 anni, e di Jomaa Hmada, 30 anni, irregolare. I due si sono incontrati vicino al magazzino ortofrutticolo dopo avere percorso una trazzera adiacente nei pressi dello stradale Alcerito, agro di Vittoria. I due si sono scambiati banconote e un involucro.

Il blitz della Polizia è scattato qualche minuto dopo. Prima è stato fermato il gelese, nel cui vano motore è stato rinvenuto l’involucro con 2 panetti di sostanza, risultata successivamente, al narcotest, del tipo «Hashish» del peso complessivo di circa 200 grammi.

Nel casolare del tunisino, la Polizia trovava 680 euro in banconote di vario taglio, sottoposti a sequestro in quanto ritenuti provento dell’illecita attività. Rinvenuti, altresì, e sequestrati.2 coltelli le cui lame presentavano evidenti residui di «hashish» poiché verosimilmente utilizzati per preparare le confezioni di stupefacente.

Nei guai anche il proprietario del casolare dove risiedeva il tunisino in condizioni igieniche orribili. L’uomo verrà denunciato all’autorità giudiziaria per il reato di favoreggiamento della permanenza nel territorio dello Stato di clandestini.