Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 650
VITTORIA - 07/05/2010
Cronache - Vittoria: avrebbe minacciato il veterinario di Modica Paolo Garofalo

Avviso di garanzia per Battaglia della Lav: "Tutto falso"

L’interessato ammette che la conversazione ebbe toni duri, perché egli pretese spiegazioni e chiese a Garofalo di precisare meglio le sue accuse nei confronti delle associazioni ambientaliste

Avviso di garanzia per il responsabile provinciale della Lav, Biagio Battaglia. La denuncia è stata presentata dal veterinario Paolo Garofalo. Quest´ultimo, che riveste altresì la carica di presidente del consiglio comunale di Modica, sostiene che Battaglia lo avrebbe minacciato al telefono. I fatti si sarebbero verificati nel luglio scorso. Garofalo aveva scritto su un giornale di veterinaria che i cani che venivano microchippati e sterilizzati negli ambulatori comunali non erano tutti dei randagi, ma, in alcuni casi, si trattava di cani di proprietà di amici che alcune associazioni ambientaliste facevano sterilizzare gratis senza averne diritto.

Secondo l´accusa, Battaglia avrebbe chiamato al telefono Garofalo e lo avrebbe pesantemente minacciato, non si capisce bene per quale ragione. La Procura ha richiesto i tabulati telefonici e poi ha deciso di denunciare Battaglia.
L’interessato, però, smentisce tutto. Le accuse, a suo parere, sarebbero infondate.

Battaglia ammette di aver chiamato al telefono Garofalo almeno un paio di volte perché la comunicazione si interruppe al primo tentativo. Battaglia ammette che la conversazione ebbe toni duri, perché egli pretese spiegazioni e chiese a Garofalo di precisare meglio le sue accuse nei confronti delle associazioni ambientaliste, evitando di coinvolgere tutti in maniera indiscriminata. Ma, secondo Battaglia, non ci furono minacce. La vicenda, ora, sarà chiarita in un’aula di tribunale.