Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 848
VITTORIA - 27/04/2010
Cronache - Vittoria: le fiamme sono divampate alte in contrada Alcerito, nei pressi di Fanello

Incendio doloso in un deposito di cassette per imballaggi

I vigili del fuoco hanno scongiurato il pericolo che il rogo potesse estendersi alle strutture vicine
Foto CorrierediRagusa.it

Le fiamme sono divampate alte nella notte, avvolgendo in pochi minuti il deposito esterno di una segheria di contrada Alcerito, nei pressi di Fanello, per la realizzazione di imballaggi di legno per prodotti ortofrutticolo. I vigili del fuoco hanno dovuto lavorare in maniera alacre per diverse ore prima di avere ragione del rogo e scongiurare il rischio che si propagasse alla strutture vicine.

Le fiamme hanno distrutto centinaia di cassette di legno e anche un autocarro parcheggiato nei pressi. La polizia, che sta svolgendo le indagini, ha confermato l’origine dolosa del rogo. I vigili del fuoco avrebbero difatti rinvenuto tra i resti del deposito andato in fumo delle tracce di liquido infiammabile. E’ questo il terzo incendio in appena due mesi che si verifica nella zona, a pochi passi da un odei mercati ortofrutticoli più importanti del meridione. Sentito dalle forze dell’ordine, il proprietario del deposito avrebbe riferito di non aver ricevuto richieste o minacce estorsive.

I danni sono ingenti, visto che, nonostante il rapido interventi dei vigili del fuoco, tutte le cassette di legno e il material sono andati distrutti, mentre il deposito e l’autocarro sono rimasti seriamente danneggiati. Già in occasione degli scorsi incendi qualcuno aveva ipotizzato il ritorno dell’ombra del pizzo a Vittoria. Spetterà adesso agli investigatori accertare se anche per questo incendio al deposito di contrada Fanello possa c’entrare la criminalità organizzata.

(Nella foto il deposito e l´autocarro interessati dall´incendio doloso)