Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1116
VITTORIA - 30/03/2010
Cronache - Vittoria: l’ultimo saluto al Santissimo Rosario a Giacomo Di Martino e Maria Pollara

Tragedia coniugi, le 2 bare una accanto all´altra ai funerali

Il parroco don Vicino: «Giacomo, un martire che non ha retto al dolore per la morte della moglie»
Foto CorrierediRagusa.it

Vittoria ha salutato i coniugi Di Martino-Pollara, vittime della tragedia di domenica scorsa sulla Ragusa-Modica. Anche gli ultimi 200 metri che separano l’abitazione dalla chiesa li hanno percorso insieme dopo un quarantennio di vita in comune. Dopo le gioie e i dolori che accompagnano ogni coppia della terra, Maria Pollara e Giacomo Di Martino hanno diviso lo stesso tragitto finale, dalla via Ten. Alessandrello alla parrocchia del Santissimo Rosario.

Quelle due bare gomito a gomito seguite da familiari, amici e parenti, hanno offerto un momento di struggente e spontanea emotività. I funerali si sono stati celebrati da don Francesco Vicino, al quale è toccato tratteggiare la figura dei coniugi periti in maniera drammatica nel lasso temporale di 12 ore circa. Per il parroco, «Giacomo Di Martino è morto due volte, la prima nell’anima, quando ha appresso della sciagura; la seconda volta da martire, quando ha premuto il grilletto della pistola».

Dolore, silenzio, compostezza, questi i sentimenti che trasparivano durante il rito funebre fra i parenti e gli amici presenti all’ultimo saluto della coppia. Il prete ha ricordato soprattutto la figura di Maria, una donna forte e impegnata, non solo per il marito e i figli, ma anche per la parrocchia. Una di quelle donne senza le quali l’attività parrocchiale non andrebbe avanti.

Ma la tragedia, purtroppo, non è ancora finita. Alcuni parenti stretti non hanno potuto partecipare al funerale perché impegnati nei due ospedali di Ragusa e Modica ad assistere le due figlie dei coniugi deceduti. Si vivono ore d’ansia per Simona, ricoverata al «Maggiore» di Modica ancora in prognosi riservata. I medici stanno lottando per arrestare la scia luttuosa che ha colpito la famiglia Di Martino-Pollara. La ragazza, studente universitaria che vive fuori, si trovava a Vittoria per il periodo pasquale. E quella domenica pomeriggio aveva colto l’occasione per recarsi al centro commerciale di Ragusa con i familiari.

Dal «Civile», invece, sono ottimistiche le notizie che giungono per la sorella Gioenne, la madre 38enne dei due bambini di 5 e 10 anni che sono usciti fortunatamente illesi dal tremendo impatto. Tutte le preoccuipazioni adesso si spostano verso i feriti che si trovano ancora in ospedale.

Concluso il rito funebre, superato il momento del dolore e dello sconforto, adesso si attende di conoscere meglio le modalità e le responsabilità di questo atroce incidente stradale avvenuto su un tratto che si presenta sicuro ma che può riservare insidie se si percorre ad alta velocità e se s’azzarda un sorpasso mentre sopraggiungono vettre di fronte. I rilievi legali sono stati effettuati dalla Postrada di Ragusa sotto le direttive dell’ispettore Vona che dopo la partenza del comandante Capodicasa dirige il distaccamento di Vittoria e il comando di Ragusa.

(Nella foto le bare dei 2 coniugi. TUTTI I DIRITTI RISERVATI - RIPRODUZIONE VIETATA)