Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 544
VITTORIA - 13/03/2010
Cronache - Vittoria: i Carabinieri di Comiso arrestano 5 persone per furto di rame

Rubano cavi Enel lasciando al buio una contrada. Arrestati

Il quintetto, organizzato dal pastore Giovanni Cabibbo, aveva ammassato 820 kg di cavi quando sono arrivati in piena notte i carabinieri

La presunta banda del rame era formata da 5 persone. E’ stata sgominata dai Carabinieri di Comiso in contrada Boscopiano, nei pressi di Villa Davide, proprio al confine fra Vittoria e la frazione comisana di Pedalino.

I militari, che da tempo operavano sulle tracce dei 5, li hanno colti con le cesoie trancia cavi in mano, intenti a tagliare e ammassare ben 820 kg di cavi elettrici. Un’azione fulminea condotta con tecnica da giocolieri: facevano scendere i cavi dai tralicci con un file alle cui estremità veniva legaa una pietra di 4-5 kg, un colpo di cesoia e zac, tutta la zona era al buio. Black out totale per le abitazioni e le aziende agricole di quella contrada. E via un fiume di telefonate all’Enel per segnalare il disservizio.

Giovanni Cabibbo, pastore, 43 anni, ritenuto la mente del quintetto, Vito Scafidi, 31 anni, Lorenzo Grasso, 31 anni, Devis D’Angelo, 25 anni, Massimo D’Angelo, 35 anni, molti nullafacenti ma tutti con precedenti contro il patrimonio, sono stati tratti in arresto in flagranza di reato per furto aggravato, danneggiamento e interruzione di servizio di pubblica necessità.

A condurre le operazioni nel territorio comisano, il maresciallo Paolo Vito Vona, comandante della Stazione dei carabinieri di Comiso. I particolari dell’attività malavitosa dei 5 sono stati spiegati in una conferenza stampa tenuta dal capitano Giovanni Palatini presso la Compagnia di Vittoria.

Il furto di rame, secondo la stima fatta dai militari, avrebbe fruttato al quintetto qualche migliaio di euro. Il rame tranciato dai pali era stato ammassato a terra in attesa di essere prelevato alle prime luci dell’alba. I militari indagano ancora per accertare se anche gli altri 4-5 episodi di furti di rame verificatisi nell’ultimo anno siano da collegare alla stessa banda di vittoriesi.

(SOTTO, LE FOTO DELLE PERSONE ARRESTATE E DEL PALO DELLA LUCE PRESO DI MIRA. CLICCATECI SOPRA PER INGRANDIRLE)

Giovanni Cabibbo Vito Scafidi Lorenzo Grasso
Devis D´Angelo Massimo D´Angelo Panoramica del palo della luce "depredato" dei fili dei rame