Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 947
VITTORIA - 19/02/2010
Cronache - Vittoria: a Scoglitti 2 malviventi abbandonano la refurtiva dopo averla rovinata

Vittoria: ladri maldestri ripresi dalla telecamera rubata

Uno di loro era uno studente minorenne

Ladri maldestri in azione nell’ipparino. In due distinte operazioni condotte da Polizia e Carabinieri, sono scattati due arresti e una denuncia. A Vittoria la Polizia ha identificato un ladro di 19 anni, che, mentre rubava la videocamera del sistema di telesorveglianza a circuito chiuso di un negozio di via Amendola, si era lasciato inavvertitamente riprendere in faccia. Gli agenti, chiamati dal commerciante, hanno visionato le immagini registrate prima che il ladro tranciasse i cavi. Anche in base alla maglietta appariscente che il malvivente indossava mentre rubava la telecamera, i poliziotti sono risaliti alla sua identità, denunciandolo per furto aggravato. Le indagini proseguono per risalire ad un complice difficile da identificare, in quanto aveva mantenuto una posizione più defilata rispetto al vittoriese, che invece si era piazzato proprio dinanzi alla telecamere mentre la smontava dal supporto.

A Scoglitti invece i Carabinieri hanno ammanettato due ladri di grondaie, uno dei quali studente minorenne. Era stato Gaetano Iacono, 41 anni, di Vittoria, già noto per reati specifici, a coinvolgere il ragazzo nel furto della grondaia di rame da un centro giovanile della chiesa evangelica di contrada Cammarana. Nel tentativo di divellere i tubi, i ladri hanno praticamente reso inservibili le grondaie, causando un danno di circa 6mila euro. I due, che si erano dati alla fuga in sella ad uno scooter dopo aver lasciato sul posto i tubi di rame ormai rovinati, sono stati ammanettati pochi minuti dopo dai Carabinieri, messi in allarme da una telefonata al 112.