Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1070
VITTORIA - 16/01/2010
Cronache - Vittoria: casi di separazione matrimoniale con strascichi giudiziari

«Scappatella» natalizia di 15 giorni: poi botte alla moglie

Il marito, non ancora separato legalmente, ha lasciato la consorte e il figlio minore per una «vacanza» di Natale con l’amante. Al rientro a casa la lite e le botte. E’ stato denunciato

Su questi argomenti, al cinema, Boldi e De Sica ci fanno ridere; la realtà è tutta un’altra cosa. Lascia moglie e figlio minorenne per una vacanza natalizia con l’amante per 15 giorni, poi torna e manda la moglie in ospedale. L’uomo è stato denunciato dalla Polizia per abbandono del tetto coniugale e lesioni personali.

Protagonista della vicenda, G.M. un vittoriese di 38 anni, non ancora legalmente separato dalla moglie. La donna ha sporto querela presso il commissariato di Polizia. Nel corso dell’ultimo incontro, teso a chiarire la situazione fra i due coniugi, il marito avrebbe aggredito la moglie con calci e pugni procurandole lesioni sul corpo giudicate guaribili in 4 giorni.

Secondo la versione della moglie, G.M si sarebbe allontanato da casa prima di Natale per intrattenere una relazione extraconiugale.

Un altro caso, ma questo senza violenza, fra G.L., vittoriese di anni 40, e la moglie. L’uomo è stato segnalato all’autorità giudiziaria per violazione degli obblighi di assistenza familiare e mancata esecuzione di un provvedimento del giudice.

Il marito, infatti, è stato denunciato dalla ex moglie, dalla quale è legalmente separato, in quanto non avrebbe mai versato l’assegno di mantenimento stabilito dal giudice in occasione della separazione. Peraltro, alla donna sono stati affidati anche i due figli minori della coppia e, pertanto, il mancato versamento della quota, stabilita in euro 500 mensili, configura anche la mancata assistenza familiare.