Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:10 - Lettori online 961
VITTORIA - 23/11/2009
Cronache - Vittoria: finanzieri a tutto campo contro la pirateria e la contraffazione

Vendeva occhiali e audiovisivi contraffatti, arrestato

Dopo il blitz alla fiera di San Martino, un’altra bancarella abusiva è finita nel mirino della Guardia di finanza

Lotta alla pirateria e alla contraffazione senza sosta. La Guardia di finanza, dopo il blitz alle bancarelle della fiera di San Martino, non ha smesso di setacciare il territorio per reprimere questo tipo di crimine. Un marocchino di 25 anni, con permesso di soggiorno in Italia scaduto, è stato arrestato per il reato di pirateria audiovisiva e denunciato per immigrazione clandestina.

L’uomo aveva posto in vendita occhiali numerosi supporti audiovisivi contraffatti, fra cui cd musicali, dvd e giochi per play station. Il marocchino è un volto già noto alle Fiamme gialle essendo stato altre volte colto in flagranza per lo stesso reato e denunciato.

Quest’ultimo servizio segue di pochi giorni quello condotto nel corso della Fiera di S. Martino dai militari della Compagnia di Ragusa e della Tenenza di Vittoria che ha portato al sequestro di altre 3.300 supporti audiovisivi e di 130 capi di abbigliamento contraffatti. E’ l’ennesima dimostrazione dell’attenzione che la Guardia di Finanza ha nel contrastare un fenomeno illecito in continua crescita, che comporta gravi ripercussioni economiche, sociali ed anche sanitarie.

Non bisogna infatti dimenticare che i prodotti contraffatti rischiano di nuocere alla salute degli acquirenti, non essendo sottoposti a quei controlli di legge che ne garantiscono la qualità e la salubrità. Nel caso specifico, le lenti degli occhiali da sole sequestrati avrebbero potuto comportare gravi patologie alla vista di coloro i quali, allettati dal prezzo e incuranti dell’essere compartecipi nella commissione di un reato, comprano questi prodotti.