Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 899
VITTORIA - 14/11/2007
Cronache - Vittoria - L’arresto per il 21enne è scattato per rapina aggravata, aggressione e pestaggio di 2 vittoriesi residenti in contrada Resin&e

Due romeni si improvvisano
rapinatori violenti: uno
di loro è finito in manette

L’altro è latitante. Le vittime sono state derubate e pestate Foto Corrierediragusa.it

E’ stato arrestato uno dei presunti autori della rapina aggravata in concorso, aggressione e pestaggio di 2 vittoriesi residenti in contrada Resinè, vicino Scoglitti. L’episodio s’è verificato la mattina del 27 ottobre scorso. E’ un romeno di 21 anni, Enache Razvan (nella foto), nato a Galati, da un po’ di tempo in Italia senza fissa dimora. Un suo connazionale viene attivamente ricercato dalla Polizia di Vittoria e dal personale della Questura di Ragusa.

Due le vittime dei romeni: S.F. e il suo amico G.C. Tutt’e due hanno dovuto ricorrere alle cure sanitarie presso la Guardia medica di Scoglitti per avere riportato ferite lacero contuse al cuoio capelluto e una frattura al piede sinistro durante l’aggressione. Gli agenti della Polizia, su disposizione del questore Giuseppe Oddo e direttive del commissariato di Vittoria, grazie all’interrogatorio delle vittime hanno appurato che gli aggressori potevano essere due cittadini romeni ai quali i vittoriesi rapinati avevano dato ospitalità nei giorni precedenti.

Prima della colluttazione, i due romeni hanno rubato un marsupio contenente soldi, due cellulari, le carte di credito e le chiavi di una Opel Zafira con la quale sono fuggiti dopo avere scardinato il cancello del parcheggio. La macchina è stata rinvenuta dalla Polizia il giorno dopo semi distrutta. Le indagini hanno avuto una svolta positiva quando il romeno Enache Razvan ha richiamato una delle due vittime per chiedere la consegna degli indumenti che avevano lasciato dentro la casa di Resinè. E’ stato concordato un incontro.

Nel frattempo le vittime hanno informato la polizia, che s’è appostata nei pressi della casa e nel pomeriggio del 12 novembre ha arrestato il romeno mentre tentava invano una fuga rocambolesca. Proseguono le indagini per catturare il complice.