Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1025
VITTORIA - 15/10/2009
Cronache - Vittoria: gli altarini sono stati scoperti dalla Polizia

Causano 4 feriti e inventano un reato: 2 vittoriesi denunciati

Tutto è nato da un incidente stradale tra due autovetture

S’inventano un reato e omettono di fare un soccorso di 4 feriti leggeri. Domenica sera una pattuglia di volante è intervenuta all’angolo di via Ruggero Settimo, via Curtatone per un incidente stradale tra due autovetture. Sul posto c’erano ancora 4 persone che stavano per essere condotte in ospedale in quanto, tutte a bordo della stessa autovettura, erano rimaste leggermente ferite a seguito dell’impatto con un’altra autovettura che non si era fermata. Gli agenti facevano un giro nei dintorni e rinvenivano a terra una targa d’auto, dalla qual risalivano al proprietario.

Questi, prontamente contattato, riferiva di aver prestato la macchina ad un suo nipote, tale F.S., che si presentava poco più tardi al Commissariato insieme ad altri 2 giovani. F.S. riferiva d’aver subito il furto dell’auto mentre si trovava in un pub. Versione completamente diversa da quella che rendeva uno dei suoi due amici, secondo il quale, invece, F.S. dopo aver tamponato un’altra auto, F.S., si era allontanato per allontanare il mezzo nei pressi della zona industriale. Il terzo dei giovani,, A.P. confermava invece la versione fornita da F.S. e si beccava la denuncia per favoreggiamento personale.

Le due versioni sono state oggetto di riscontro con i proprietari del pub. Avuta conferma che F.S. e A.P. mentivano, è scattata per entrambi la denuncia a piede libero. Avuta conferma che le cose non erano andate per come erano state raccontate, si procedeva alla segnalazione in stato di libertà di F.S. e di A.P. alla Procura della Repubblica di Ragusa.