Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1415
VITTORIA - 18/09/2009
Cronache - Vittoria: operazione fulminea della Squadra mobile e della polizia di Vittoria e Lentini

Vittoria: 3 catanesi arrestati 5 ore dopo la rapina in banca

Si tratta di Michele Agatino Allegra, Pietro Catanzaro, entrambi di 19 anni, e Concetto Alfio Saitta, di 25 Foto Corrierediragusa.it

Tre arresti a tempo di record per la squadra mobile di Ragusa e gli agenti del commissariato di Vittoria e dei colleghi di Lentini. A distanza di neanche tre ore dalla rapina commessa venerdì mattina nella filiale di via Garibaldi della Banca Nuova di Vittoria, i tre malviventi autori del colpo sono finiti in manette.

Si tratta dei catanesi Michele Agatino Allegra, Pietro Catanzaro, entrambi di 19 anni, e Concetto Alfio Saitta, di 25 (da sx nella foto). I tre, già noti agli archivi per reati specifici, sono stati bloccati nei pressi di Lentini mentre sfrecciavano a bordo della loro auto in direzione Catania. Con loro avevano anche la refurtiva: 11mila euro. I tre avevano agito stamani con sicurezza e rapidità, ferendo in maniera lieve ad una mano, con un taglierino, il direttore dell´istituto di credito, durante le fasi concitate della rapina.

Uno dei rapinatori è rimasto fuori per fare da palo, l’altro era in macchina, pronto a gommare via, mentre il terzo ha materialmente compiuto il colpo. Il rapinatore aveva agito a volto scoperto. Un dettaglio non da poco che ha consentito ai poliziotti di risalire all’identità dei tre malviventi, tutti schedati. Il terzetto è poi incappato in uno dei posti di blocco istituiti lungo i punti strategici della provincia iblea e di quelle limitrofe. Un accorgimento che ha consentito alla Polizia di acciuffare subito i tre malviventi, come dichiarato da questore Giuseppe Oddo e dal dirigente della mobile Francesco Marino. Il terzetto è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa.