Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 809
VITTORIA - 17/09/2009
Cronache - Vittoria: in azione specialisti di furti in negozi e market

Due romeni presi dai Vigili dopo il colpo, denunciati

Avevano rubato due cellulari ed erano stati riconosciuti dal proprietario del negozio atraverso le immagini della telecamera interna

Rubano due cellulari in un negozio di via Cavour, ritornano il giorno dopo per rubarne altri, vengono fermati dai Vigili urbani ma non ci sono gli estremi per il fermo di polizia giudiziaria. Sono stati solo denunciati a piede libero.

Protagonisti due romeni poco più che ventenni, secondo i vigili con precedenti per reati specifici, specialisti in furti presso negozi e market. La vicenda è paradossale. I due entrano in un negozio di cellulari via Cavour mentre il gestore serve un altro cliente. Senza farsi notare aprono il lucchetto della vetrina, rubano due telefonini e vanno via. Il titolare s’accorge del furto prima della chiusura.

Il negoziante controlla la telecamera interna il giorno successivo e osserva le azioni dei due ladri che gli rubano i cellulari. Nello stesso istante i due romeni ritornano nel negozio all’ora di chiusura, forse per rubare altri cellulari, ma il titolare li vede e li mette in fuga a piedi. Rincorsi in via Cavour dal negoziante, vengono entrambi fermati dall’ispettore Luigi Sardo e dall’assistente Gaetano Di Stabile, facenti entrambi parte della squadra Pg diretta dal tenente Carlo Lo Presti e coordinata dal tenente Enzo Simola.

Per tutto il pomeriggio i vigili hanno atteso le decisioni della Procura, nella speranza di vedersi accogliere il fermo di pg, invece si decide per una semplice denuncia a piede libero nei confronti di T.C. 27 anni, e B. B. Due cellulari sono pochi per giustificare un fermo e inoltre mancano le circostanze aggravanti.

Oltre ai due presunti ladri scattano altre due denunce nei confronti di altrettanti romeni accusati di ricettazione. Sono quelli che avevano ricevuto i cellulari per rivenderli rivenderli.