Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1002
VITTORIA - 12/09/2009
Cronache - Vittoria: intanto è stato denunciato il terzo componente del branco

Aggressione al disabile, un anno e 6 mesi per Latino

L’aggressione si è verificata in piazza del Popolo venerdì pomeriggio, dinanzi ai passanti, che non hanno avuto il coraggio di reagire Foto Corrierediragusa.it

Ha patteggiato un anno e sei mesi di carcere il sorvegliato speciale vittoriese Vittorio Latino (nella foto), 24 anni, colui che, assieme ad altre tre persone, ha preso a calci e pugni un inerme disabile in piazza del Popolo a Vittoria, fratturandogli il polso.

E’ intanto stato individuato e denunciato anche il terzo dei quattro componenti del branco. Si tratta di G. F., 27 anni, vittoriese. Era con G. C, 20 anni, denunciato a piede libero, e con lo stesso Latino, il più aggressivo del gruppo, già arrestato dalla Polizia di Vittoria subito dopo l’aggressione. È stato riconosciuto dalla vittima, un disabile di 45 anni cui era stato spezzato il polso. A quest´ultimo soggetto gli inquirenti sono arrivati grazie ai controlli delle amicizie e frequentazioni di Vittorio Latino.

Secondo quanto ricostruito nel corso della Polizia, G. F. avrebbe iniziato materialmente l´aggressione, colpendolo con schiaffi sempre più forti, fino picchiarlo anche alla nuca, sul punto dove la vittima era già stata operata da piccolo a causa di una grave malattia che oggi lo rende invalido al 74 per cento. Secondo gli elementi forniti dalla Polizia, pare che G. F. conoscesse il poveretto e quindi fosse consapevole dell´intervento chirurgico che aveva subito alla nuca.

Il pestaggio è continuato fino a quando i quattro hanno calpestato il braccio della vittima, adagiato sull´asfalto, sino a spezzargli un polso. A quel punto la bravata è finita, il malcapitato è stato finalmente soccorso, trasportato in ospedale e curato.