Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 898
VITTORIA - 27/07/2009
Cronache - Vittoria: escalation criminale ai danni di commercianti

2° incendio al «Dmg group». Fuoco anche in via R. Settimo

Tre incendi in una sola settimana. Nel mirino negozi di abbigliamento della città. Ipotesi racket: indagano Polizia e Squadra mobile Foto Corrierediragusa.it

Potrebbe celarsi la mano del racket delle estorsioni nei due incendi dolosi appiccati in queste ultime ore e che hanno scosso Vittoria. A distanza di una settimana, ignoti hanno preso di mira di nuovo il «Dmg group» di via Roma, 354. Episodi inquietanti che, sommati a quello del 21 luglio scorso sempre ai danni dei due commercianti comisani che lavorano a Vittoria, cominciano a destare parecchia preoccupazione. Troppi 3 attentanti incendiari in una settimana per pensare a un banale regolamento di conti o ad altri moventi.

In ordine di tempo, domenica mattina la Polizia è intervenuta in via Ruggero Settimo all’altezza del civico 62 per un incendio sviluppatosi sulla parte esterna di un negozio di moda. Sono intervenuti i Vigili del fuoco di Vittoria per limitare i danni. Nessun dubbio sulla matrice dolosa dell’azione malavitosa.

La notte scorsa, invece, il secondo attentato incendiario ai danni del negozio di via Roma. Su questi 3 episodi stanno indagando la Polizia di Vittoria e la Squadra mobile di Ragusa. Alla luce di questi fatti in città è tornata la paura del racket. La dinamica degli attentati lascia pensare, come accennato, a una recrudescenza del fenomeno malavitoso legato alla richiesta di denaro.

Di minore importanza, invece, l’altro incendio sviluppatosi ai danni di un casolare abbandonato, dove ignoti hanno dato alle fiamme alcuni materassi e indumenti posti all’interno. Non è escluso che quel posto fosse diventato il rifugio di immigrati senza casa e fissa dimora.

Infine a Comiso è stata data alle fiamme nel corso della notte un´auto in sosta in via Virgilio. Anche in questo caso l´incendio sarebbe di natura dolosa.