Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 496
VITTORIA - 18/05/2009
Cronache - Vittoria: operazione della Guardia di Finanza in piazza Senia

Vittoria: marocchino e tunisino arrestati per droga

Gli immigrati avevano un fedina penale lunga un chilometro. Sono stati ammanettati mentre cedevano hashish a 2 niscemesi

Un marocchino e un tunisino avevano scelto il luogo per eccellenza dello spaccio a Vittoria, piazza Senia, per smerciare alcune dosi di hashish a due niscemesi. Gli immigrati sono stati subito scoperti ed arrestati dalla Guardia di Finanza.

Le manette sono scattate per il tunisino Hamid Arouss, 32 anni, e Salim ben Naseur, di 30, marocchino, entrambi accusati di detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio e violazione della legge Bossi – Fini sull’immigrazione clandestina. I due sono stati sorpresi in flagranza mentre cedevano la droga ai due ragazzi, anch’essi identificati.

Dai risconti è emerso che il tunisino era già stato arrestato lo scorso ottobre dai finanzieri della tenenza di Vittoria, sempre per spaccio di sostanze stupefacenti, e condannato alla pena di 8 mesi di reclusione, con il beneficio della sospensione condizionale della pena. E’ stato appurato che il tunisino aveva disatteso il provvedimento di espulsione dallo Stato Italiano, emesso dal questore di Ragusa il 23 ottobre 2008 scorso.

Ancor più numerose sono le violazioni in materia di immigrazione emerse a carico del marocchino, peraltro identificato con almeno tre dati anagrafici diversi. L’immigrato risultava essere già stato arrestato il 20 aprile 2007 dal personale del commissariato di Padova, per non aver ottemperato all’ordine di lasciare lo Stato italiano, emesso dal questore di Viterbo; successivamente, nel gennaio 2009, il marocchino era stato destinatario di un analogo provvedimento da parte del questore di Bologna, anche questo ignorato e dal quale era scaturita la segnalazione all’autorità giudiziaria da parte della Guardia di Finanza di Ferrara.