Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1026
VITTORIA - 13/05/2009
Cronache - Vittoria: tre arresti effettuati dalla Polizia

In carcere D’Agosta, guidava senza patente con le stampelle

Giuseppe Amodei, invece, deve scontare una condanna definitiva di 3 anni e 8 mesi per spaccio di droga. Preso anche un tunisino alla guida di un motorino rubato
Foto CorrierediRagusa.it

Volti noti di Vittoria ritornano in carcere per violazione delle leggi sulla sorveglianza speciale. Salvatore D’Agosta, 43 anni, figlio di Ciccio D’Agosta (capo del clan «mammasantissima») deceduto qualche anno fa, è stato arrestato perché trovato alla guida di una Smart nonostante dotato di stampelle per consentire la deambulazione e privo di patente di guida revocatagli nel 1996. L’uomo, che ha già scontato diversi anni di detenzione per reati gravi, si trovava in compagnia di una donna di origine tunisina. E’ stato anche sanzionato per diverse centinaia di euro, così come il proprietario della Smart che ha concesso incautamente il veicolo.

L’altro vittoriese arrestato dalla Polizia è Giuseppe Amodei, 45 anni, che deve scontare una pena di 3 anni e 8 mesi per una condanna divenuta definitiva per il reato di spaccio di stupefacenti in concorso. Fatti commessi tra il ’95 e il ’99.

Il tunisino Mohamed Nasser, 25 anni, è stato arrestato perché trovato in possesso di un ciclomotore rubato a Cesena con il quale scorrazzava nei pressi dell’ospedale di Vittoria. Il ciclomotore è stato sottoposto a sequestro e del rinvenimento è stata data notizia al Commissariato di Cesena al fine di comunicare al legittimo proprietario il ritrovamento del mezzo per la restituzione.

(Nella foto da sx Salvatore D´Agosta, Giuseppe Amodei e Mohamed Nasser)