Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 568
VITTORIA - 20/03/2009
Cronache - Vittoria: un altro caso di estorsione sventato dalla Polizia

"I soldi o ti brucio le serre", estortore tunisino arrestato

Preso con 200 euro in mano mentre tentava di fuggire. Un altro ordine d’arresto lo ha raggiunto in carcere per clandestinità Foto Corrierediragusa.it

Arrestato un tunisino irregolare per estorsione ai danni di un piccolo imprenditore agricolo vittoriese. In manette Saidani Fethi (nella foto), 32 anni, colto in flagranza di reato poco dopo avere intascato 200 euro (4 banconote da 50,) le banconote opportunamente fotografate prima dalla Polizia di Vittoria.

Dall´aprile 2008 il tunisino, irregolare già espulso dall´Italia con provvedimento della questura di Cagliari, taglieggiava con insistenza l’imprenditore chiedendogli piccole cifre a «rate». L´ultima, 2 mila euro, ha fatto scattare la denuncia alla Polizia. Agli inquirenti, coordinati dal vice questore Alfonso Capraro, sono bastati pochi giorni per chiudere il caso, utilizzando la solita tecnica delle foto sulle banconote prima di essere consegnate all´estortore.

La stessa tecnica era stata usata il 6 marzo scorso dal vittoriese Marco Giurdanella nei confronti di un artigiano nisseno. Con lo stratagemma delle banconote fotografate prima della consegna, la Polizia era riuscita ad arrestare il vittoriese. Alcuni giorni prima, 3 marzo, la vittima era stato un tunisino, che aveva fatto arrestare 4 locali per il reato di estorsione.

Il tunisino ha ricevuto in carcere da un altro ordine d´arresto per violazione della legge Bossi-Fini, in quanto non aveva lasciato l´Italia a seguito di decreto di espulsione emesso dal questore di Cagliari. In quella occasione Saidani aveva fornito generalità false dicendo di chiamari Jaussef Saidant di 40 anni.