Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1096
VITTORIA - 13/03/2009
Cronache - Vittoria: agguato giovedì notte nelle campagne di contrada Berdia

Indagini sulla fucilata all´agricoltore

Giuseppe Intanno, 39 anni, ferito alla coscia sinistra. Mistero sul movente

Se volevano ammazzarlo avrebbero potuto farlo, invece gli attentatori hanno compiuto un vero e proprio agguato con caratteristiche di stampo mafioso. La vittima è Giuseppe Intanno, 39 anni, imprenditore agricolo. Il vittoriese si trova ricoverato nel reparto di Chirurgia vascolare del "Guzzardi" di Vittoria in prognosi riservata, ma non corre pericolo di vita.

Alle 23,30 di giovedì qualcuno ha atteso la vittima mentre stava lasciando l’azienda agricola di contrada Berdia a bordo della sua Fiat Punto e gli sparato due colpi di fucile a pallettoni attraverso il finestrino. Il ferito ha accelerato per fuggire ma ha perso coscienza e s´è schiantato contro un palo fratturandosi anche un dito della mano destra. I vicini dell´azienda hanno chiamato il "118" e in nottata stessa Intanno è stato sottoposto a delicato intervento chirurgico alla parte interna della coscia sinistra.

L´uomo è tuttora ricoverato, ma le sue condizioni sono buone. Per spiegare ai militari cosa sappia dell´agguato che si presueme sia stato generato da un regolamento di conti o per punire uno sgarbo commesso. Chi ha sparato avrebbe potuto uccidere, invece ha scaricato i pallettoni volutamente alla parte bassa del corpo.

Sull’episodio, come detto, indagano i Carabinieri coordinati dal capitano Giovanni Palatini. Gli inquirenti hanno già sentito i familiari del ferito (che non sanno niente), ma aspettano di poter parlare con lui appena si riprenderà dall´intervento chirurgico. Giuseppe Intanno non è mai balzato agli onori delle cronache giudiziarie, se non per cose irrilevanti, e questo rende ancora più difficile capire i motivi del grave attentato.