Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1221
VITTORIA - 28/11/2008
Cronache - Vittoria - Un anno dopo il reato perpetrato in via Marconi

Salvatore Di Stefano, condanna a 3 anni e 4 mesi per estorsione

Insieme ad altri 2 complici aveva chiesto 500 euro
per assicurare «tranquillità» a un gestore di generi alimentari
Foto CorrierediRagusa.it

Un anno, 6 mesi e 600 euro di multa. Questa la condanna definitiva per Salvatore Di Stefano, nella foto, 26 anni, riconosciuto colpevole del reato di estorsione commesso insieme ad altri due complici, fra cui un minore di 15, a metà marzo del 2007.

Il giovane aveva chiesto 500 euro in cambio di «tranquillità» a un gestore di generi alimentari di via Guglielmo Marconi. I 3 sono stati colti in flagranza di reato, proprio mentre veniva prelevata la busta con le banconote dentro una macchina. In quel preciso istante i poliziotti uscirono da un furgone parcheggiato accanto alla vettura, arrestarono Salvatore Di Stefano, Vincenzo Migliore, un minore di 15 anni e recuperarono le banconote tutte fotocopiate.

Di Stefano è stato riconosciuto la mente del «colpo». Aveva architettato un’estorsione vecchio stile: 500 euro richiesti al commerciante suo coinquilino in cambio di «tranquillità».

Sul parabrezza della macchina la vittima aveva trovato un foglio di carta che sembrava una multa. C’era scritto: "Prendi 500 euro, infilali in una busta e lasciala dentro la macchina". Il commerciante si rivolse alla polizia, la quale progettò il piano di consegna. Gli agenti si nascosero dentro un furgone parcheggiato accanto alla macchina con i soldi, filmarono tutto e arrestarono gli estorsori in flagranza di reato.