Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 19 Aprile 2018 - Aggiornato alle 17:04
VITTORIA - 16/04/2018
Cronache - L’iniziativa della giunta comunale

Maltempo, serre e primizie distrutte: chiesto stato di calamità

Tutta la fascia trasformata è stata devastata Foto Corrierediragusa.it

La giunta municipale, riunitasi lunedì mattina, ha deliberato di richiedere alla Regione Siciliana il riconoscimento dello stato di calamità naturale per il territorio del comune di Vittoria, colpito dai danni causati dalle gravi condizioni climatiche del 13, 14 e 15 aprile. «Le eccezionali raffiche di vento che a partire da venerdì scorso hanno imperversato sul territorio – ha dichiarato il sindaco Giovanni Moscato – hanno causato situazioni di grave disagio e danni agli impianti serricoli e alle attività produttive imprenditoriali. Dai primi sopralluoghi eseguiti da parte dei tecnici comunali sono emersi danni per i produttori agricoli e gli allevatori, nonché per le attività imprenditoriali, e dunque sussistono gli estremi del riconoscimento dello stato di calamità naturale. Perciò, come avevamo promesso nell´immediatezza dell´emergenza, abbiamo deliberato di chiedere al presidente della Regione di proporre alla Giunta regionale il riconoscimento della calamità naturale per il territorio di Vittoria e l´avvio di tutte le procedure necessarie per ristorare le aziende danneggiate e gli operatori».

Ma il vento ha sventrato le serre, mandando in malora le primizie, anche nel resto della fascia trasformata iblea, lungo il litorale da Scoglitti a Punta Secca, mettendo in ginocchio gli agricoltori, che si sono visti rovinare il raccolto e la produzione, senza contare i danni strutturali.