Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 730
VITTORIA - 11/11/2008
Cronache - Vittoria - Ad una svolta le indagini sul romeno morto lunedì sera

Katalin Botezatu potrebbe essere stato ammazzato

Diventa un «giallo» la morte dell’immigrato investito. C’è un nesso con l’omicidio del clochard avvenuto il 13 aprile scorso?
Foto CorrierediRagusa.it

Katalin Botezatu, 35 anni, bracciante agricolo, romeno e non polacco, come avevamo scritto in precedenza. Questo è il nome e il cognome dell’immigrato che è stato arrotato da una Fiat Multipla condotta da una donna di Acate la sera di lunedì. L’esito dell’autopsia disposta dal sostituto procuratore Marco Rota ci dirà come e quando è morto il romeno, fra l’altro già noto alle forze dell’ordine.

Man mano che le indagini vanno avanti s’allontana l’ipotesi dell’incidente e prende corpo la pista dell’omicidio. Ci sono troppi particolari strani e inquietanti attorno alla vicenda che ha sconvolto la giovane donna acatese che all’improvviso s’è trovato il corpo del romeno disteso sulla carreggiata.

Forse era già morto o privo di sensi, e qualcuno l’ha portato sulla strada nella speranza che finisse sotto le ruote di una macchina? E’ un interrogativo inquietante ma regge in piedi. E più i Carabinieri si trincerano nel fitto riserbo delle indagini, più avanza il sospetto che non si tratti di incidente della strada.

Katalin Botezatu era noto per l’abitudine di bere. Beveva e s’ubriacava come tanti suoi connazionali che non hanno un lavoro fisso e nella disperazione trovano nell’alcol la migliore compagnia. La settimana scorsa, rivelano alcune indiscrezioni, era stato in ospedale per farsi medicare una ferita all’arcata sopraccigliare destra. Infatti, dalla prima ispezione cadaverica si notavano i punti di sutura all’occhio.

Insomma, potremmo essere davanti a un vero proprio «giallo» alla Camilleri. C’è anche chi accosta l´episodio all’omicidio di Costel Adomnitei, il clochard assassinato a colpi di bastone in un casotto di contrada Cicchitto il 13 aprile scorso. Cosa c’entra Botezatu con tutto questo?

E’ quello che stanno cercando di scoprire i militari dell’Arma. Molte persone sono state interrogate mentre dal medico legale si attende l’esito dell’esame autoptico che dovrà stabilire con certezza se il romeno è morto a causa dell’impatto con la macchina, se era ubriaco o se è stato ammazzato prima di finire in mezzo alla carreggiata della Vittoria-Acate.