Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 16 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 22:58
VITTORIA - 02/01/2018
Cronache - Concessa una proroga: il lavoro terminerà quindi a fine marzo

Altri 3 mesi di ispezione a Vittoria

E’ stato avviato in questi mesi un attento esame di documenti, delibere ed atti Foto Corrierediragusa.it

Altri tre mesi di ispezione. La commissione prefettizia che opera a palazzo Iacono è stata prorogata di tre mesi e chiuderà pertanto il suo lavoro a fine marzo. La commissione, nominata dal prefetto Maria Carmela Librizzi, ha il mandato di accertare eventuali infiltrazioni mafiose nella macchina burocratica dell’ente negli ultimi anni e ha avviato in questi mesi un attento esame di documenti, delibere ed atti per accertare se vi sia stata «Una alterazione del procedimento di formazione della volontà degli organi elettivi ed amministrativi e che compromettano il buon andamento e l’imparzialità dell’Amministrazione comunale».

La commissione è composta dal Prefetto Vicario Concetta Caruso, dal viceprefetto Ferdinando Trombadore, dirigente dell’area Affari legali, Contenzioso e Rappresentanza in giudizio della Prefettura di Ragusa, e da Giorgio Terranova, primo dirigente della Polizia di Stato. Assieme a loro, il tenente colonnello dell’Arma dei Carabinieri Giuseppe Marseglia, comandante del Nucleo operativo, il maggiore Carmelo Mirinnino della Dia, con il tenente colonnello Sergio Cerra comandante provinciale di polizia tributaria della Guardia di Finanza.

Nella foto palazzo Iacono, sede del comune di Vittoria