Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 24 Aprile 2018 - Aggiornato alle 14:50
VITTORIA - 27/12/2017
Cronache - Una tragedia scampata grazie ai tempestivi soccorsi

Resta ricoverato il 50enne che si è dato fuoco

L’uomo presenta ustioni di secondo e terzo grado sul 30% del corpo Foto Corrierediragusa.it

E´ stato personalmente accompagnato dal medico dell´ospedale "Guzzardi" di Vittoria (foto) Giovanni Arrabito in ambulanza fino a Militello Val di Catania il 50enne vittoriese che si è dato fuoco utilizzando dell´alcol etilico in una zona isolata di contrada Cozzo, nelle campagne ipparine. L´uomo è ora ricoverato nella rianimazione dell´ospedale del paese etneo. Le prime e urgenti cure erano state prestate nel nosocomio di Vittoria dal dottor Fabio Pizzardi. Il paziente era stato poi preso in carico dal dottor Giovanni Arrabito, che, come accennato, lo ha accompagnato in ambulanza. La prima tappa era stata costituita dal Centro grandi ustionati del "Cannizzaro" di Catania, dove erano state prestate le ulteriori cure al paziente, che, a causa della indisponibilità di posti letto, non è stato però possibile ricoverare. E così il 50enne è stato ulteriormente trasportato a bordo del mezzo di soccorso e sotto lo sguardo vigile del dottor Arrabito fino all´ospedale di Militello Val di Catania, dove si trova al momento ricoverato in rianimazione. Le sue condizioni cliniche sono stabili e i medici si dicono fiduciosi. L´uomo non è comunque in pericolo di vita.

Pare che il gesto estremo del 50enne possa essere scaturito, tra le altre cose, da presunti dissapori con la moglie. Ma si tratta al momento solo di ipotesi al vaglio degli inquirenti e comunque rientranti nella sfera personale dell´uomo. Gli investigatori hanno interrogato amici e parenti del 50enne, compreso il fratello che ha prestato i primi soccorsi prima del trasferimento al "Guzzardi" e del successivo ricovero in territorio etneo. Il 50enne presenta ustioni di secondo e terzo grado sul 30% del corpo.