Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 18 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 17:39
VITTORIA - 16/12/2017
Cronache - Denunciati 18 soggetti dalla guardia di finanza

Truffa all´Inps e fatture false

Una complessa frode fiscale è venuta a galla Foto Corrierediragusa.it

Sono 18 le persone denunciate per reati fiscali e truffa ai danni dell’Inps e 20 le aziende coinvolte nell’ambito del vasto giro di fatturazioni false scoperto dalla guardia di finanza. Con l’operazione «Ghost farms» (Aziende fantasma), i finanzieri hanno scoperto in territorio di Vittoria una ventina di ditte, tutte operanti nella commercializzazione di prodotti ortofrutticoli e collegate tra loro, ma caratterizzate da una operatività limitata nel tempo e finalizzata esclusivamente, prima della chiusura, ad una copiosa produzione di fatture false per operazioni inesistenti. Le fiamme gialle hanno sequestrato per equivalente beni immobili e mobili e somme di denaro per di 3 milioni di euro. Gli accertamenti, durati oltre un anno, hanno consentito di scoprire in particolare 4 aziende «cartiere», ovvero esistenti solo sulla carta perché di fatto prive di mezzi e di strutture tali da giustificare il rilevante fatturato documentato e le numerose assunzioni di personale.

Le aziende erano intestate a «teste di legno», soggetti prestanome nullatenenti dediti solo alla gestione di fatture false, per favorire l’evasione fiscale da parte di soggetti terzi. Non è stata trovata traccia della corresponsione degli stipendi ai lavoratori dipendenti e dichiarati all’Inps, ma sono state accertate indebite percezioni di indennità previdenziali e assistenziali pari a circa un milione e mezzo di euro, tramite la creazione fittizia di 415 posizioni lavorative con la qualifica di braccianti agricoli. E’ stato dunque richiesto l’annullamento amministrativo delle giornate di lavoro inesistenti, al fine di recuperare le somme illecitamente percepite dall’Inps.