Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 21 Aprile 2018 - Aggiornato alle 9:35
VITTORIA - 25/11/2017
Cronache - Sequestrata refurtiva per 15.000 euro

Contrasto ai furti: denunciati 4 giovani

Dovranno rispondere di ricettazione in concorso Foto Corrierediragusa.it

Controlli straordinari dei carabinieri in tutta la giurisdizione della compagnia di Vittoria: oltre 15 mirate perquisizioni personali e domiciliari sono state eseguite con un dispiegamento di circa 40 militari, al fine di reprimere il fenomeno dei furti, che contribuiscono ad aumentare la percezione di insicurezza tra la popolazione. Il positivo bilancio complessivo è di 4 persone denunciate in stato di libertà per ricettazione in concorso, tutte di giovanissima età e tra cui un minore di 16 anni incensurato, un ciclomotore oggetto di furto recuperato assieme a 10 telai di motorini completi di marmitta e ruote e svariate componenti e pezzi di altrettanti motoveicoli smontati. Tutta la refurtiva, che sarebbe stata venduta al mercato nero e avrebbe fruttato oltre 15.000 euro, è stata sottoposta a sequestro.

In particolare, a Comiso, in Contrada Miccichè, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno perquisito diversi casolari di campagna, rinvenendo in uno di essi uno scooter Kymko People funzionante ma privo di targa e senza numero di telaio, 10 telai di ciclomotore completi di ruote e marmitte, svariati pezzi e componenti di motorini illecitamente sottratti e smontati, pronti per essere rivenduti «sottobanco» con un guadagno di svariate migliaia di euro, tutto di provenienza furtiva: quattro giovani originari del luogo, che avevano in uso lo stabile, sono stati denunciati in stato di libertà alla procura di Ragusa e a quella dei minorenni di Catania e dovranno rispondere di ricettazione in concorso. Due di loro erano incensurati, compreso il già citato minorenne.