Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 23 Novembre 2017 - Aggiornato alle 20:23 - Lettori online 652
VITTORIA - 27/09/2017
Cronache - Era stata voluta in Piazza Sorelle Arduino dalle associazioni Filo di Seta e Donne al Sud

Scoglitti, trafugata panchina rossa anti violenza

Rappresentava il no al femminicidio. Era stata inaugurata un mese fa Foto Corrierediragusa.it

Un furto davvero singolare ha interessato in questi giorni il centro storico di Vittoria: la panchina rossa di piazza Sorelle Arduino non c’è più. E’ stata trafugata da ignoti che l’hanno sradicata dalle basole cui era ancorata. Un segnale inquietante soprattutto per quello che la panchina, voluta dalle associazioni Il Filo di seta e Donne a Sud, rappresentava, visto che era stata voluta per ricordare le vittime di femminicidio. Appena un mese fa la panchina era stata sistemata nella piazza alle presenza delle componenti le due associazioni, del sindaco, Giovanni Moscato e del presidente del consiglio comunale, Andrea Nicosia (foto).

Dicono le due associazioni: «La nostra speranza è che chi l’ha portata via sia solo uno sciocco che non ha la minima idea di quello che ha fatto, che non si è reso conto che si è portato via solo un simbolo e non soltanto un pezzo di arredamento colorato per la sua casa. Il nostro impegno e la nostra lotta vanno avanti. Se qualcuno pensa che arretreremo si sbaglia di grosso ed invitiamo tutte le donne ad avvinarsi a noi , a sposare la nostra causa, a sostenere i nostri progetti e il nostro centro di ascolto». Anche il presidente del Consiglio comunale, Andrea Nicosia ha detto la sua: «Voglio pensare che si tratti di una semplice bravata, e non del gesto di qualcuno cui dà fastidio che una città si schieri apertamente contro chi si rende colpevole di una qualsiasi forma di violenza nei confronti di una donna. E’ un atto grave che va condannato fermamente".