Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 20 Settembre 2017 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 942
VITTORIA - 13/09/2017
Cronache - 4 arresti

4 nuclei familiari di uno stabile non pagavano la luce

Lo ha scoperto la polizia Foto Corrierediragusa.it

Era allacciato abusivamente alla corrente elettrica un intero stabile in pieno centro composto da due piani fuori terra e ampio garage al piano terreno, abitato da quattro nuclei familiari imparentati tra loro. Oltre alla parentela, ad unire gli inquilini era anche la stessa condotta illecita: come accennato, difatti, tutti erano allacciati alla rete elettrica abusivamente. 4 di loro sono finiti ai domiciliari. Addirittura il contatore elettrico non era neppure installato, visto che l’energia elettrica dalla linea Enel transitava direttamente sui cavi privati fino a ciascun appartamento. Niente da conteggiare e niente da pagare. Mesi fa gli elettricisti dell’Enel, a causa di reiterate morosità, non solo avevano disattivato l’erogazione dell’energia elettrica, ma addirittura avevano tolto i contatori e ricoperto la superfice murale dove prima vi erano installati i misuratori con un ampio coperchio, teso a impedire allacci abusivi.

Gli inquilini, stando a quanto accertato dalla polizia, hanno reciso i sigilli di sicurezza, scoperchiato tutto e allacciato due conduttori da 20 mm quadrati alla morsettiera, realizzando un allaccio diretto alla rete E-distribuzione, tale da prelevare energia e potenza senza essere misurata. Nei quattro appartamenti l’energia elettrica era fruibile normalmente.

Tutto questo polizia e personale Enel lo hanno scoperto nel pomeriggio di martedì nel corso di un sopralluogo congiunto. Trattandosi del reato di furto aggravato e sentita la procura, 4 degli inquilini, comprese due donne, ciascuno di essi abitanti un appartamento dell’edificio, sono stati dunque arrestati e sottoposti ai domiciliari.