Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 17 Novembre 2017 - Aggiornato alle 15:46 - Lettori online 640
VITTORIA - 08/07/2017
Cronache - I funerali nella chiesa del Santissimo Rosario

Muore a 46 anni e dona gli organi

Le volontà della donna assecondate dai familiari e concretizzate dall’equipe medica Foto Corrierediragusa.it

Aveva deciso che dal suo trapasso doveva scaturire qualcosa di fattivamente buono per altre, sfortunate persone: e così, per sua stessa volontà, una donna di Vittoria venuta a mancare in giovane età ha regalato una nuova vita ad altre persone, donando gli organi. E´ questo l´ultimo, nobile gesto della 46enne Maria Angela Cardamone (foto), nata e residente a Vittoria con la famiglia e deceduta all’ospedale Cannizzaro di Catania, dove era stata ricoverata per emorragia cerebrale spontanea.

Maria Angela Cardamone stava tranquillamente parlando al telefono con il figlio quando all´improvviso ha avvertito il malore che si è poi rivelato fatale. Immediati i soccorsi, la corsa verso l’ospedale e il trasferimento al Cannizzaro di Catania, dove poi purtroppo è deceduta, nonostante i medici avessero tentato l´impossibile. La donna aveva dichiarato in vita il consenso alla donazione, volontà assecondata dai familiari. Così venerdì mattina l’équipe del Cannizzaro ha iniziato l’osservazione nell’unità operativa di anestesia e rianimazione.

A conclusione della procedura, sono stati prelevati il fegato e un rene dall’Ismett di Palermo. L’altro rene e il pancreas sono andati al Civico di Palermo. Le cornee sono state destinate alla banca degli occhi, sempre a Palermo. Il complesso intervento è cominciato a mezzanotte e si è concluso intorno alle 8 di sabato mattina. I funerali della donna, grande amante dello sport e nota in città per il suo carattere affabile, sono stati celebrati nella chiesa del Santissimo Rosario.