Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 932
VITTORIA - 11/10/2008
Cronache - Vittoria - Serrati controlli di Polizia e Squadra mobile

Stretta sui fitti di immobili irregolari e pregiudicati

Rischia sanzioni chi non comunica in commissariato il nome delle persone a cui si cede la casa, anche a titolo gratuito Foto Corrierediragusa.it

Dai ultimi controlli previsti dalle leggi antiterrorismo, effettuati dalla Polizia nelle abitazioni di pregiudicati emerge un dato preoccupante. E’ stato riscontrato che nella maggior parte dei casi i proprietari degli immobili, spesso persone insospettabili e incensurate, non hanno ottemperato a quanto previsto dalla normativa, ovvero comunicare all’autorità di pubblica sicurezza il nome delle persone a cui vengono concessi, a qualsiasi titolo, anche gratuito, gli immobili stessi. Questi proprietari incorreranno nella relativa sanzione amministrativa che prevede il pagamento di una multa di alcune centinaia di euro per ogni immobile concesso in locazione.

A questa certezza si è arrivati in seguito alle perquisizioni di abitazioni di pregiudicati sottoposti a sorveglianza speciale da parte di Squadra mobile e Polizia di Vittoria, soprattutto per quanto concerne la loro situazione abitativa. La nuova norma pone un freno agli affitti senza scrupoli. Tuguri di poco valore e senza servizi affittati a immigrati senza alcun contratto e rispetto di regole.

Nell’ambito delle operazioni, ieri mattina Polizia e Squadra mobile hanno inoltre effettuato perquisizioni domiciliari nelle abitazioni di alcuni soggetti vittoriesi sospettati essere autori di furti in esercizi commerciali della provincia di Ragusa e di altre province limitrofe. E’ stato rinvenuto molto materiale di vario tipo, tra cui pezzi di computer, banconote straniere di vario taglio, ricariche telefoniche ed attrezzi per il bricolage, il tutto ritenuto di sospetta provenienza. I dettagli dell’operazione verranno resi noti nei prossimi giorni al termine degli atti di polizia giudiziaria necessari ai fini dell’indagine.