Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 18 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 779
VITTORIA - 07/11/2016
Cronache - Per un ammontare complessivo di oltre un milione 300 mila

Maxi truffa milionaria ai danni di Inps

I titolari dell’azienda e i 154 presunti «lavoratori fantasma» sono stati denunciati Foto Corrierediragusa.it

Una maxi truffa ai danni dell’Inps, per un ammontare complessivo di oltre un milione 300 mila euro è stata scoperta dalla guardia di Finanza. I presunti responsabili sono i titolari di un impresa agricola di Vittoria, che, stando alle indagini delle fiamme gialle, nel periodo compreso tra il 2011 e il 2014, avrebbero falsamente dichiarato di aver assunto e fatto lavorare 154 immigrati, consentendo a questi ultimi di percepire indennità previdenziali ed assistenziali che non gli sarebbero spettate.L’indagine scaturisce da una verifica fiscale condotta a carico dell’impresa ipparina, che ha consentito di far emergere una rilevante evasione fiscale per oltre un milione e mezzo di euro, nonché un danno complessivo per le casse dell’istituto di previdenza sociale per un milione 300 mila euro. Il presunto raggiro si sarebbe fondato su false dichiarazioni aziendali all’Inps dove sarebbe stato riportato un fabbisogno lavorativo superiore alla reale capacità dell’impresa: 154 dipendenti a tempo determinato, in realtà mai assunti e mai impiegati per circa 10 mila giornate lavorative in fondi agricoli di fatto incolti, stando sempre a quanto comunicato dai finanzieri.

I titolari dell’azienda e i 154 presunti «lavoratori fantasma» sono stati quindi denunciati per il reato di truffa aggravata. Le fiamme gialle hanno inoltrr disposto il sequestro di 17 unità immobiliari, oltre 2 ettari di terreni adibiti a colture agricole,un lotto di terreno edificabile, 3 partecipazioni societarie e 10 veicoli. Sotto sequestro infine anche le somme depositatein istituti bancari, il tutto per il valore complessivo corrispondente alla somma sottratta indebitamente all’Inps.