Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 499
VITTORIA - 12/10/2016
Cronache - E’ successo in piena notte ad opera di ignoti piromani

Bruciata auto di un sindacalista

La giunta sta intanto cercando di mantenere i livelli occupazionali nel passaggio di consegne tra vecchia ditta e la nuova nella gestione del servizio di raccolta rifiuti Foto Corrierediragusa.it

E´ stata data alle fiamme nella notte l´auto di proprietà del sindacalista dell’Ugl Federazione Ambiente Giuseppe Piazza. La scorsa notte, ignoti malviventi hanno appiccato il fuoco alla vettura, parcheggiata davanti all’abitazione del rappresentante sindacale. I fatti sono già stati denunciati alle forze dell’ordine. Il sindaco Giovanni Moscato commenta il grave gesto intimidatorio: «Esprimo la massima solidarietà – dichiara il primo cittadino – a Giuseppe Piazza e condanno duramente il vile gesto. Questo grave episodio si verifica in un momento delicato, in cui l’amministrazione comunale, in vista del passaggio di consegne tra la Tekra e la nuova ditta che gestirà il servizio di igiene urbana, sta cercando di mediare per la salvaguardia dei posti di lavoro dei dipendenti della società. L’attentato incendiario messo a segno ai danni del sindacalista dell’Ugl potrebbe essere ricollegato ad altri fatti strani e inquietanti avvenuti nei giorni scorsi, ed anche i contorni di qualche furto anomalo potrebbero cominciare a diventare più chiari.

A questo punto, l’amministrazione comunale risponde con la massima fermezza: non abbassiamo la testa di fronte a certi atteggiamenti, e diciamo no alla strategia della tensione. Ma non basta: non solo chiediamo che vengano prese posizioni chiare da parte degli organi competenti, ma invitiamo tutta la città ad isolare i «malandrini i fudda», che pensano di poter condizionare l’operato chiaro e limpido dell’amministrazione con la violenza e con le intimidazioni. Sappiano, questi signori, che così facendo otterranno l’effetto opposto. Noi andremo avanti per la nostra strada».

Immagine di repertorio